Sofia Goggia

A pochi giorni dall’ennesima impresa sportiva di Sofia Goggia, Sky Sport presenta in anteprima un’anticipazione della nuova produzione originale di Sky Sportin onda dal 30 dicembre su Sky e in streaming su NOW: 23 Giorni. Il miracolo di Sofia Goggia. Al centro del racconto l’indimenticabile impresa olimpica della sciatrice azzurra: in 23 giorni dallo sconforto di un infortunio che pareva averle tolto ogni chance, alla medaglia olimpica di Pechino. La metafora della vita e della mentalità ineguagliabile di una regina dello sport mondiale.

Gennaio 2022, quasi un anno fa. 23 giorni di dolore fisico ma ancora di più dell’anima. 23 giorni dove la sfida è stata solo con se stessa. Sofia contro il tempo, Sofia con se stessa.

Il tempo scorre inesorabile e l’appuntamento di Pechino si avvicina sempre di più. Pechino 2022 significa vedere da vicino IL luogo nel quale Sofia desidera essere. Un percorso intimo e profondo, focalizzato sulla persona, sul proprio carattere, accompagnata dalle persone che più le sono state vicino: allenatori, medici, amici. Una straordinaria storia di sport, dal valore fortemente motivazionale, come le imprese dei grandi atleti sanno essere.

Sofia si prende per mano, guida la bambina che è in lei, quella bambina che a 6 anni sogna già, con le idee molto chiare, di trionfare alle Olimpiadi. Cresce in questo modo, tra un allenamento e un altro, cadendo e rialzandosi costantemente più forte, più solida e resiliente, imparando ad ascoltare prima di tutto il suo cuore. 23 giorni. Il miracolo di Sofia Goggia è un dialogo sincero con Sofia, un regalo per i tanti sostenitori che raduna gara dopo gara. Una lunga intervista in cui emerge la donna e l’atleta, verso l’impresa che l’ha vista protagonista dall’infortunio nel supergigante di Cortina d’Ampezzo e le tappe che l’hanno condotta a vincere l’argento Olimpico a Pechino 2022. Un percorso lungo 23 giorni, fatto di lacrime, impegno, e costanza. Un percorso anche verso Milano-Cortina 2026: Credo che il mio sguardo sia molto focalizzato sul presente. Perché questo che andrò ad affrontare e che sto affrontando già, sarà per tanti aspetti e può essere sicuramente il quadriennio più interessante, il quadriennio più importante della mia vita da sciatrice, perché, non dimentichiamocelo, io ho 30 anni e riuscire già ad arrivare a Milano-Cortina 2026 sarebbe qualcosa di estremamente importante. È un sogno, ma è chiaramente un obiettivo”.

Nel corso della presentazione oggi nella sede di Sky, Sofia Goggia ha aggiunto: “A Pechino è stata una impresa difficile: senza una mano puoi sciare (riferimento alla discesa libera di St. Moritz dello scorso weekend dopo la frattura scomposta del secondo e terzo metacarpo della mano sinistra, ndr), a Pechino con un ginocchio traballante è stato decisamente più difficile. Quando hai un obiettivo come le Olimpiadi quasi non ti rendi conto di ciò che fai per rendere possibile una impresa del genere. Rimarrà l’impresa della mia vita, sono orgogliosa di quello che sono riuscita a fare. Se non rischi per le Olimpiadi, massima espressione dello sport, allora quale è il valore del rischio”.

23 giorni. Il miracolo di Sofia Goggia – Appuntamento con la nuova Produzione Originale di Sky Sport, ideata dal direttore di Sky Sport, Federico Ferri, curata da Sara Cometti, con la regia di Leopoldo Muti e le interviste di Dody Nicolussi, venerdì 30 dicembre alle 22.45 su Sky Sport Uno e sabato 31 alle 10 anche su Sky Documentaries, in streaming su NOW, disponibile on demand.

23 Giorni. Il miracolo di Sofia Goggia

Di seguito la programmazione su Sky e in streaming su NOW

Sky Sport Uno

  • Venerdì 30 dicembre alle 22.45
  • Sabato 31 dicembre alle 12.15 e mezzanotte
  • Domenica 1° gennaio alle 13.45, alle 19.30 e alle 22.45

Sky Documentaries

  • Sabato 31 dicembre alle 11
  • Lunedì 2 gennaio alle 13
  • Giovedì 5 gennaio alle 10

SCOPRI L’OFFERTA SKYGLASS A 11,90 EURO AL MESE E ANTICIPO DI SOLO 1 EURO. SKYGLASS, MOLTO PIU’ DI UNA TV

PrecedenteIl caso DigitalBits che continua a imbarazzare l’Inter
SuccessivoQatar 2022, ascolti record per Argentina-Francia su RaiPlay