San Siro condizioni prato
(Foto: Marco Luzzani/Getty Images)

Quanto costano le famose “luci a San Siro”, cantate anche da Roberto Vecchioni? Nei giorni in cui il tema energie e bollette rimane al centro del dibattito pubblico, la questione incide anche a livello calcistico.

Secondo uno studio del Wall Street Journal, riportato dalle pagine milanesi del Corriere della Sera, un impianto sportive delle dimensioni del Meazza durante una partita in notturna consuma in media 25 mila kWh, di cui il 40% per le luci tra fari, tabellone del punteggio e cartelloni pubblicitari. Se venisse applicata l’attuale tariffa serale del mercato energetico tutelato (0,491 euro/kWh), la spesa complessiva ammonterebbe a 12.275 euro, cifra alla quale poi si dovrebbero anche aggiungere quelli che sono i costi del gas per il riscaldamento di spogliatoi e aree ristorazione.

Non a caso, anche la Lega Serie A nelle scorse settimane era intervenuta con la decisione di ridurre i tempi di illuminazione negli stadi garantendo la piena accensione per un massimo di quattro ore. Per quanto riguarda le partite in notturna, le luci si avviano novanta minuti prima del fischio di inizio, tempistica che si riduce a sessanta minuti se l’incontro si disputa di giorno.

«Si tratta di un primo passo, dobbiamo essere un esempio virtuoso in un momento di crisi – aveva spiegato la decisione il presidente della Lega Serie A, Lorenzo Casini -. Siamo al lavoro per realizzare quanto prima progetti di efficientamento energetico. In Italia gli impianti possono diventare anche modelli di sostenibilità ambientale oltre che strumenti di riqualificazione urbana».

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteMoratti: «Inter forse a fondo USA, ma attenti a speculazione»
SuccessivoIl Napoli pronto a pignorare i beni ad Allan per l’ammutinamento