se
Il trofeo della Coppa del Mondo (copyright: via Onefootball)

La prima radiovisione d’Italia, RTL 102.5, ha acquisito dalla FIFA i radio rights per trasmettere le partite dei Mondiali del Qatar ed è pronta a raccontare, dal prossimo 20 novembre, le emozioni di tutti i match fino alla finalissima del 18 dicembre. Un evento di grande sport che vede competere le più grandi nazionali del mondo.

“Ormai da anni RTL 102.5 segue il calcio durante gli Europei, Mondiali e ovviamente durante il campionato. Nonostante l’Italia non si sia qualificata, ritengo sia nostro dovere coinvolgere gli ascoltatori nel più grande evento calcistico”, ha dichiarato il presidente di RTL 102.5 Lorenzo Suraci.

RTL 102.5 con i suoi conduttori e giornalisti seguirà il campionato mondiale di calcio 2022 con una serie di appuntamenti che caratterizzeranno il palinsesto di tutta la giornata. Oltre alle radiocronache, anche rubriche, commenti e spazi di approfondimento. Tornerà infine “Noi Dire Gol”, il format di informazione e intrattenimento già collaudato in diverse edizioni di Mondiali ed Europei, che vedrà protagonisti i conduttori della Suite 102.5 e i giornalisti sportivi Paolo Pacchioni e Andrea Salvati.

Tantissimi gli altri appuntamenti all’interno del palinsesto di RTL 102.5:

  • “Diario Mondiale” alle 8.05: il buongiorno al mondiale con commenti sulle partite della sera prima e anticipazioni sul programma della giornata;
  • “Oggi al Mondiale” alle 13.05: il riassunto della partita del mattino e uno sguardo sulle gare del pomeriggio;
  • “Speciale Mondiale” alle 19.05: il riepilogo delle partite già disputate e presentazione degli incontri della sera;
  • “Notte Mondiale” alle 23.05: Il riepilogo delle partite già disputate e presentazione degli incontri della sera.

RTL 102.5 lancerà anche il “casting mondiale”: gli ascoltatori tifosi potranno venire negli studi di Milano e Roma per tifare e commentare le partite della propria nazionale.

SCOPRI SKYGLASS, MOLTO PIU’ DI UNA TV. A PARTIRE DA 11,90 EURO AL MESE: CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI

PrecedentePSG in cambio dei Mondiali: rapporti Sarkozy-Qatar nel mirino
SuccessivoL’UEFA attacca: «La Superlega non è calcio»