Lazio peso società Lotito
Claudio Lotito, presidente della Lazio (Foto Andrea Staccioli / Insidefoto)

Quanto costano le società di Lotito alla Lazio? Cala l’impatto delle aziende di Claudio Lotito sul bilancio della società biancoceleste al 30 giugno 2022, chiuso dal club con un rosso di oltre 22 milioni di euro. La gestione quasi artigianale della Lazio ha coinvolto un po’ tutti i settori aziendali, dalla vigilanza alla mensa, passando per manutenzione e anche investimenti pubblicitari.

Assente invece per la prima volta la Salernitana, in passato di proprietà di Claudio Lotito e Marco Mezzaroma e successivamente ceduta a seguito della promozione in Serie A all’imprenditore Danilo Iervolino, che l’ha rilevata a fine 2021 salvandola da una potenziale esclusione dal campionato.

Il costo complessivo nel corso dell’esercizio 2022 è stato pari a 6,25 milioni di euro, in calo rispetto ai 7,08 milioni della stagione 2020/21 principalmente a causa dell’assenza di costi legati alla Salernitana, che nella stagione 2020/21 ammontavano a un totale di 2,72 milioni di euro. Da quanto emerge dalla lettura del bilancio consolidato della Lazio, questi sono i rapporti intrattenuti dalla società con parti correlate (legate, cioè, a Lotito):

  • la Roma Union Security, per un costo di Euro 1,69 milioni e debito per Euro 0,29 milioni al 30 giugno 2022, riferiti in gran parte a servizi di vigilanza armata presso il centro sportivo;
  • la Gasoltermica Laurentina, per un costo di Euro 1,26 milioni, anticipi su lavori per Euro 1,26 milioni, cespiti per Euro 7,50 milioni e debito di Euro 0,21 milioni al 30 giugno 2022, relativo a lavori
    e manutenzione del centro sportivo di Formello e per la gestione del magazzino merci e pulizia dei
    negozi;
  • la Omnia Service, per un costo di Euro 1,82 milioni e debito di Euro 0,90 milioni al 30 giugno 2022, per il servizio di mensa sia giornaliero che in occasione dei ritiri per i tesserati presso il centro Sportivo di Formello e per il servizio di catering;
  • la Linda per un costo di Euro 0,54 milioni e debiti per Euro 0,27 milioni al 30 giugno 2022 per servizi di assistenza ai sistemi informatici, processi organizzativi e logistici aziendali e gestione del magazzino area tecnica;
  • la Snam Lazio Sud per un costo di Euro 0,74 milioni e debito di Euro 0,55 milioni al 30 giugno 2022, per servizi finanziari, amministrativi, vigilanza non armata, magazzino, portierato e sanificazione;
  • la Bona Dea per un costo di Euro 0,20 milioni e debito di Euro 0,12 milioni al 30 giugno 2022, per servizi di amministrazione del personale;

A proposito delle operazioni con le seguenti parti correlati, la Lazio segnala all’interno del bilancio «che tali transazioni sono state perfezionate nel rispetto della correttezza sostanziale e procedurale ed a normali condizioni di mercato».

SCOPRI SKYGLASS, MOLTO PIU’ DI UNA TV. A PARTIRE DA 11,90 EURO AL MESE: CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI

PrecedenteBanca Ifis: «Il Giro di Lombardia vale 50 milioni: è un volano per il territorio»
SuccessivoI calciatori più pagati: Mbappé in vetta, CR7 sul podio