Champions in chiaro
Il trofeo della Champions League (Insidefoto.com)

Negli USA si giocano sempre più finali e tornei importanti, ma al Paese manca la ciliegina sulla torta: la finale di Champions League. Secondo quanto riporta il quotidiano spagnolo As, in un futuro più o meno immediato, l’atto finale della massima competizione europea per club potrebbe essere disputato negli Usa.

La partita per eccellenza del calcio europeo non ha mai lasciato il Vecchio Continente. Tuttavia, le connotazioni economiche, dato che non esiste al momento un mercato commerciale e televisivo così rilevante come quello nordamericano, sono così vantaggiose che ECA e UEFA sono favorevoli al trasferimento oltreoceano. Nell’ECA, che la prossima settimana disputa la sua Assemblea Generale a Istanbul, sono favorevoli all’espansione del loro mercato, che moltiplicherebbe la vendita di sponsorizzazioni e diritti televisivi.

A proposti di diritti tv, la UEFA ha appena venduto i suoi diritti in inglese per gli USA a CBS, Viacom e Paramount per 1.500 milioni, cifra che sarà aumentata in occasione della versione allargata della Champions a partire dal 2024.

L’idea di trasferire la finale di Champions League sul suolo americano è venuta dal successo della finale della Campeones Cup, in cui si sono affrontati il campione della MLS contro quello del campionato messicano. La partita è stata giocata allo Yankee Stadium di New York e vi hanno partecipato circa 15.000 persone.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteIl Milan sigla una nuova partnership con eBay
SuccessivoNon solo Chelsea, Boehly punta anche altri club