Al-Khelaifi: «Ci sono club con 1,8 mld di debiti. Un pericolo»

«Il calcio è sopravvissuto dopo la pandemia grazie all’investimento che è stato fatto. Tuttavia molti club hanno perso molto e si sono profondamente indebitati». Così ha detto, coem riporta…

FBL-FRA-LIGUE1-PSG
(Photo by BERTRAND GUAY/AFP via Getty Images)

«Il calcio è sopravvissuto dopo la pandemia grazie all’investimento che è stato fatto. Tuttavia molti club hanno perso molto e si sono profondamente indebitati». Così ha detto, coem riporta Marca, il presidente del Paris Saint-Germain, Nasser Al-Khelaifi, durante la sua partecipazione in modalità virtuale a Football Talks, una serie di conferenze organizzate presso la sede della Federcalcio portoghese.

Il numero uno dell’ECA ha sottolineato che ci sono squadre che hanno 1.800 milioni di euro di debiti, senza citare alcuna squadra in particolare, ma con quello che appare un evidente riferimento al Barcellona. «Le persone rimangono quattro o cinque anni come presidente e poi lasciano i debiti e diventa un disastro per un altro presidente . Questo è ciò che è successo ciclo dopo ciclo. Questo è ciò a cui dobbiamo guardare e preoccuparci perché è ciò che può distruggere il calcio. Servono regole per proteggere i club da debiti e disastri».

Inoltre Al-Khelaifi ha ribadito la sua avversità al progetto della Superlega: «Potete chiamarla Superlega, io la chiamo non-Superlega. Il calcio ha bisogno di essere sviluppato in un modo che rispetti piccoli, medi e grandi club, così come i tifosi… Alcuni club non vogliono che le società medie diventino grandi, sono impauriti dalla competizione… L’ecosistema calcio è più grande di due o tre club. Il messaggio è stato inviato, nessuno può rompere l’ecosistema calcio. Io ed i miei colleghi all’ECA siamo fortemente contrari alla Superlega».

E sulla nuova Champions League: «Il formato è un successo già prima della partenza, aumenta il numero di partite del 150%. La vendita dei diritti tv a livello globale lo dimostra. I club più piccoli possono sognare di arrivare in Champions League. Nessun club è nato grande, lo è solo diventato e proprio per questo non possono esistere gruppi chiusi».

In chiusura il presidente del Paris Saint-Germain ha parlato del valore del club della capitale francese: «Abbiamo comprato il club per 70 milioni di euro nel 2011. Oggi vale più di 4 miliardi di euro. Ci sono persone che lo hanno valutato così e che ci hanno presentato offerte», ha concluso Al-Khelaifi.