Cottarelli Interspac Zhang
Il presidente di Interspac, Carlo Cottarelli (copyright: Samantha Zucchi/Insidefoto)

«Lo ha letto il mio tweet di qualche giorno fa? E’ quello che penso, parole per parola, del capolavoro che è stato riportare Lukaku all’Inter». Ha esordito così, in un’intervista alla Prealpina, l’economista Carlo Cottarelli, parlando dell’amministratore delegato dell’Inter Giuseppe Marotta.

In un post pubblicato sul celebre social network in questi giorni, Cottarelli parlava così dell’operazione che ha riportato il centravanti belga a Milano: «Uno che vende Lukaku per 115 milioni e l’anno dopo lo riporta quasi gratis è il solo che possa ridurre il nostro debito pubblico», le sue parole a proposito dell’AD nerazzurro.

Durante l’intervista a Cottarelli è stata rivolta una domanda su Interspac, e sul punto raggiunto dal progetto di azionariato popolare dell’Inter: «Noi abbiamo fatto quello che avevamo promesso di fare, cioè preparare un business plan. Abbiamo lavorato con Deloitte Consulting. Ma la proprietà della società non è interessata a lavorare con noi. E quindi noi non possiamo andare avanti. Mi spiace ma è così. Magari in futuro le cose cambieranno».

Infine, una battuta sul tema San Siro per Inter e Milan: «E’ chiaro che una società come l’Inter ha bisogno di uno stadio in condizioni migliori di quello di San Siro, che poi si costruisca un altro stadio o si metta a posto quello esistente non importa. Se ne potrebbe parlare in dettaglio soltanto trovandosi a considerare di entrare effettivamente nella società. Ma visto che questa possibilità per il momento non interessa alla proprietà attuale, è inutile fare elucubrazioni su quale sia la soluzione migliore».

PROVA L’ESPERIENZA SKY Q PER 30 GIORNI: GUARDA SUBITO SKY TV, SKY SPORT, SKY CINEMA E NETFLIX

PrecedenteZhang: «Vogliamo un’Inter competitiva. Futuro? I ricavi digitali»
SuccessivoIl Napoli sigla una nuova partnership con Coca-Cola