Milan bilancio 2021
Il logo del Milan (foto LM/Fabrizio Carabelli/IPA/Live Media via Onefootball)

Man mano che passano i giorni si fa sempre più chiarezza sulla struttura finanziaria che ha consentito l’accordo preliminare per il passaggio del pacchetto di maggioranza del Milan dal fondo Elliot alla RedBird di Gerald Cardinale.

Ieri Calcio e Finanza ha svelato il quadro nel quale si stanno muovendo le parti: closing previsto entro settembre 2022 e una valutazione del Milan nell’operazione pari a 1,2 miliardi, la società di Cardinale non riceverà finanziamenti dalle banche per completare l’acquisizione mentre vi sarà un vendor loan da parte di Elliott, un finanziamento si dovrebbe aggirare tra i 200 e i 300 milioni di euro. A un tasso di interesse di circa il 6/7%. Infine all’interno dell’operazione è previsto anche una sorta di premio per il fondo Elliott (inferiore al 6%) nel caso in cui RedBird dovesse rivendere il Milan a un prezzo più elevato rispetto a quanto è stato pagato il club oggi.

Va detto che tutto questo sarà il risultato finale di un processo partito con il signing. Il club è stato valutato 1,2 miliardi di euro. Ufficialmente al signing le parti hanno convenuto in 600 milioni di equity e 600 milioni garantiti da un vendor loan da parte di Elliott. Questo prestito nominale, però, al momento del closing avrà un valore ridotto poiché Cardinale ha assicurato di avere ulteriori impegni dai sottoscrittori per 300 milioni. Quindi al closing, fase conclusiva del passaggio di proprietà fissata a settembre, la quota di vendor loan scenderà a 2/300mln di euro grazie a un ulteriore apporto in equity da RedBird, anche perché Cardinale potrebbe anche arrivare a settembre avendo a disposizione altri 100 milioni dai sottoscrittori e arrivando quindi a stipulare il loan solo su 200 milioni. Solo a quel punto si definirà anche il peso della partecipazione finanziaria di Elliott nel Milan.

Questo schema, non prevedendo parti terze coinvolte oltre a Elliott e RedBird (visto che nessuna banca è stata coinvolta come finanziatrice) nel periodo tra il signing e il closing, ha anche altri vantaggi. Assicura infatti al club rossonero la continuità e la stabilità necessaria per affrontare i mesi del calciomercato.

GUARDA MILAN TV SU DAZN. ABBONATI ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteRoma, Friedkin acquista altre azioni e sale al 90%
SuccessivoFootball Affairs, ecco perché la Premier guarda dall’alto la Serie A