Chi è RedBird Capital

Chi è RedBird Capital? Con lo stop all’offerta da parte del fondo con sede in Bhrein Investcorp, gli americani di RedBird Capital sembrano essere lanciati verso l’acquisto del Milan. Il fondo Elliott è intenzionato a cedere la società e a breve potrebbe arrivare il passaggio di consegne ufficiale. Il club rossonero resterebbe così in mani americane, dopo i quattro anni circa di gestione da parte della società fondata da Paul Singer.

RedBird Capital – che avrebbe messo sul tavolo un’offerta da 1,3 miliardi di euro – si definisce come un «fondo di investimento privato, focalizzato sulla costruzione di società a rapido tasso di crescita con capitale flessibile e a lungo termine in collaborazione con la nostra rete di imprenditori e family office».

Fondata nel 2014 dall’ex partner di Goldman Sachs Gerry Cardinale, RedBird oggi gestisce 6 miliardi di dollari di asset principalmente nei suoi principali settori verticali di sport, telecomunicazioni, servizi finanziari e consumer. L’obiettivo è quello di arrivare nel giro di poco tempo a 11 miliardi di gestione, spinta che potrebbe essere anche certificata dall’acquisto del Milan. La rete di creatori di business e imprenditori di RedBird è fondamentale per la sua strategia di ricerca degli investimenti.

Chi è RedBird Capital? La carriera di Gerry Cardinale

Oltre a esserne fondatore, Gerry Cardinale opera anche come Managing Partner di RedBird. Come detto, la fondazione risale al 2014 e si può definire come una naturale estensione degli oltre 20 anni di carriera di Cardinale in Goldman Sachs, dove è stato partner dell’azienda e senior leader dell’attività di investimento di private equity della banca d’affari, con gestione di oltre 100 miliardi di dollari di capitale privato tra azioni, debito, strategie di investimento immobiliare e infrastrutturale.

Durante il suo incarico presso Goldman Sachs, Gerry ha lavorato con imprenditori per costruire diverse società multimiliardarie di successo, tra cui Yankees Entertainment & Sports (“YES”) Network, la rete sportiva regionale numero uno negli Stati Uniti; Legends Hospitality, una società di servizi di biglietteria, concessioni e merchandising premium creata in collaborazione con i New York Yankees e i Dallas Cowboys; e Suddenlink Communications, che era una delle più grandi società via cavo americane al momento dell’acquisizione da parte di Altice.

Chi è RedBird Capital? I legami con il mondo del calcio

RedBird Capital vanta già un legame molto importante con il mondo del calcio, precisamente con il Liverpool, top club della Premier League inglese. Poco più di un anno fa – nell’aprile 2021 – il fondo è diventato azionista del Fenway Sports Group (FSG), una piattaforma globale di sport, marketing, media, intrattenimento e immobiliare, che controlla proprio i Reds in Inghilterra.

L’operazione ha visto RedBird entrare con una quota del 10%, con Fenway Sports Group valutato 7,35 miliardi di dollari (dunque, un investimento di 735 milioni di dollari). FSG era in trattativa da mesi con la società di investimento americana, dal momento che cercava risorse per alleviare l’impatto finanziario della pandemia, che era costata al Liverpool perdite per 120 milioni di sterline (circa 141 milioni di euro).

RedBird è diventato in questo modo il terzo partner più importante di FSG, e soprattutto ha potuto permettere al Liverpool di portare avanti una campagna acquisti a livelli pre-pandemia, oltre che a continuare i lavori di rinnovamento di Anfield, lo stadio che ospita le gare interne dei Reds.

Nell’occasione, come parte dell’accordo complessivo, la stella della NBA LeBron James, Maverick Carter e il loro partner commerciale di lunga data Paul Wachter avevano scambiato una precedente quota detenuta nel Liverpool, diventando azionisti di FSG insieme a RedBird.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteMilano sistema il Palasharp in vista delle Olimpiadi del 2026
SuccessivoTotti: «Dybala? Proverò a convincerlo a scegliere la Roma»