Maurizio Arrivabene (Photo by Mark Thompson/Getty Images)

“Mantenere vivo il Decreto Crescita, con i suoi benefici fiscali, è un piccolo ma necessario passo per essere competitivi sul mercato internazionale”. Ne ha parlato Maurizio Arrivabene, Chief Executive Officer della Juventus, intervenendo in videocollegamento durante il forum organizzato nella sede del Corriere dello Sport ‘Il calcio che l’Italia si merita’. “Vantaggi fiscali con Ronaldo non hanno portato risultati? Non è vero, Ronaldo ha fatto vincere la Juve e portato tantissimo in termini di visibilità internazionale. Oggi ci confrontiamo con altri sport ma anche con l’industria dell’intrattenimento. Dalla PlayStation ai social media, bisogna aprirsi a nuovi mondi e ai giovani” ha proseguito. Arrivabene.

Parlavamo delle giovanili, ma la federazione una riforma le ha fatte. Se oggi giochiamo con un Under 23 è per la riforma voluta dalla federazione. Dobbiamo guardare gli altri come ha detto Capello. Avere dei riferimenti, per capire con umiltà. Se ci chiedessimo chi ha inventato la ruota probabilmente nessuno lo sa, ma è una cosa che ha aiutato la società a evolversi”.

“Dobbiamo imparare non solo da quello che succede in Italia, ma anche da quello che succede all’estero. Ovvio che ci si scontra con la competitività del campionato. Una squadra fa investimenti perché deve vincere e si crea un circolo vizioso. L’intrattenimento che dobbiamo offrire può dare le basi per vendere il prodotto calcio Italia, dando una solidità che forse ci rende meno schiavi del raggiungimento obbligato del risultato”.

“Secondo me per raggiungere lo scopo è di fondamentale importanza tra chi è il regolatore dello sport e chi ne è l’aspetto commerciale: trovare il giusto compromesso, evitare degli scontri è l’inizio di una soluzione che può andare bene per tutti. La Serie A sostiene il calcio italiano con il business che crea. Credo che un trovarsi e ragionare insieme serva assolutamente al calcio. Questo è ciò che vorrei dire e in cui credo”.

“Vincere l’unica cosa che conta? Certo, ma entrare in Champions League conta altrettanto. Dybala, Morata e Bernardeschi via? Sul mercato faremo qualcosa che ci permetterà di chiudere meglio rispetto a quest’anno”, ha concluso Arrivabene.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteExor, PartnerRe chiude il primo trimestre in rosso di 510 milioni
SuccessivoGravina: «Proposto Var a chiamata ma no da IFAB»