Ceferin stipendio 2020 2021
(Foto: FABRICE COFFRINI/AFP via Getty Images)

«La Superlega è finita. Quando ci hanno fatto la guerra, i tifosi inglesi ci hanno aiutato mentre italiani e spagnoli non hanno fatto niente». Sono le parole di Aleksander Ceferin, presidente dell’UEFA, al termine della sfida di beneficienza tra Hajduk Spalato e Shaktar Donetsk.

Ceferin non fa mistero del fatto che nella sua infanzia è stato un grande fan dell’Hajduk. «Per qualche strana ragione, si opta per un club. Al bambino piace il colore della maglia, o qualche giocatore… C’è sempre una ragione. Non vado a una partita dell’Hajduk da molto tempo, l’ultima è stata contro l’Olympia ai tempi dell’ex Jugoslavia».

Sul futuro dei club ucraini: «Dobbiamo fare tutto il possibile per assicurarci che i club ucraini inizino a giocare il loro campionato il prima possibile. Non posso dire quando, perché sfortunatamente non vedo una fine imminente della guerra. Per quanto riguarda i club russi, avevamo già preso una decisione a marzo e non è cambiata. Aspettatevi nuove decisioni la prossima settimana, ma potete indovinare da che parte si andrà. È una situazione difficile».

Inoltre, il numero uno dell’organo di governo del calcio europeo si è sbilanciato sulla possibile finale di Champions League che, a suo modo di vedere, sarà di stampo inglese: «La Premier League è diversa, ha grande tradizione. Ci sono più soldi ma quando le competizioni europee si rafforzano si allora si parla meno dei campionati. Bayern e PSG dominanti in Germania e Francia? Vero, dominano due club in quei campionati. In Italia c’è maggiore competizione ma i club non sono finanziariamente forti».

Le Final Four in Champions? «Buona idea ma ci sarebbero meno partite in totale, è un po’ presto per condividere nuove idee con i media ma ci sono alcuni piani».

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI

PrecedenteSerie A, Atalanta-Salernitana in streaming gratis? Guarda la gara in diretta
SuccessivoAncelotti: «Futuro? Potrei smettere dopo il Real Madrid»