Deloitte Football Money League 2022
(Foto: Michael Regan/Getty Images)

Deloitte Football Money League 2022 – Il Manchester City conquista per la prima volta la vetta in Europa in termini di ricavi, e lo fa nella stagione 2020/21.

E’ quanto emerge dalla Football Money League 2022, pubblicata dallo Sports Business Group di Deloitte. Nella stagione 2020/21 il club di Manchester ha conquistato il primato per la prima volta – l quarta per un club inglese – davanti al Real Madrid, seppur con un fatturato di 645 milioni di euro, in aumento rispetto ai suoi 550 milioni del 2019/20, ma in calo rispetto ai 714 milioni del primatista della stagione scorsa: il Barcellona.

Secondo il report, i top 20 club per fatturato del calcio mondiale hanno messo insieme 8,2 miliardi di euro nella stagione 2020/21, in leggera crescita rispetto al 2019/20 (8,16 miliardi di euro). Quest’anno, così come quello scorso, l’analisi si focalizza sull’andamento dei ricavi dei principali club del calcio mondiale in un contesto economico e sociale fortemente condizionato dalla pandemia di COVID-19.

Deloitte Football Money League 2022 – Il podio

La composizione della Money League è rimasta sostanzialmente coerente con gli anni precedenti, anche se ci sono alcuni scatti in avanti o tonfi importanti da segnalare all’interno della classifica. I club che compongono la top ten rimangono invariati, mentre 16 società su 20 erano presenti nella Money League dello scorso anno.

Manchester City (primo posto a 644,9 milioni di euro) e Real Madrid (secondo a 640,7 milioni di euro) occupano rispettivamente la prima e la seconda posizione della Money League di quest’anno, con un gap di 4,2 milioni di euro. Il City ha visto i suoi ricavi crescere del 17%, mentre il Real Madrid – in seconda posizione – ha fatto registrare un calo del 7% rispetto all’anno prima.

Il Bayern Monaco (611,4 milioni di euro) ha mantenuto il terzo posto nella Money League, guadagnando di nuovo il podio (l’ultima volta proprio nella stagione 2019/20). Per i bavaresi una flessione nelle entrate del 4%, in linea con quella fatta registrare nella stagione precedente, quando il club arrivò però in fondo alla UEFA Champions League e si laureò Campione d’Europa.

Posizione Club Ricavi VAR%
2020/21 2019/20 2020/21 2019/20
1 6 Manchester City 644,9 549,2 17%
2 2 Real Madrid 640,7 691,8 -7%
3 3 Bayern Monaco 611,4 634,1 -4%
4 1 Barcellona 582,1 713,4 -18%
5 4 Manchester United 558 580,4 -4%
6 7 PSG 556,2 540,6 3%
7 5 Liverpool 550,4 558,6 -1%
8 8 Chelsea 493,1 469,7 5%
9 10 Juventus 433,5 398,9 9%
10 9 Tottenham 406,2 445,7 -9%
11 11 Arsenal 366,5 388 -6%
12 12 Borussia Dortmund 337,6 365,7 -8%
13 13 Atletico Madrid 332,8 331,8 0%
14 14 Inter 330,9 291,5 14%
15 new Leicester 255,5 171 49%
16 new West Ham 221,5 157,4 41%
17 new Wolverhampton 219,2 151,2 45%
18 17 Everton 218,1 212 3%
19 30 Milan 216,3 148,5 45%
20 15 Zenit 212 236,5 -10%

Elaborazione Calcio e Finanza su dati Deloitte (mln di euro)

Deloitte Football Money League 2022 – La situazione dei club italiani

Guardando alla Serie A, la Juventus si conferma prima tra le squadre italiane salendo al 9° posto della classifica con 433,5 milioni di ricavi (+9% rispetto al 2020). Prossimi praticamente allo zero i ricavi da matchday (che valgono il 2% del totale), mentre il resto della quota si divide tra diritti televisivi (237 milioni di euro) e ricavi commerciali (188,7 milioni di euro).

L’Inter resta al 14° posto con 330,9 milioni di ricavi, in buona crescita del 14% rispetto ai 291,5 milioni di euro del 2020. Anche per i nerazzurri i ricavi da matchday sono ridotti ai minimi termini e valgono l’1% del totale, mentre la società ha incassato 216 milioni dai diritti tv e 112,7 milioni sul fronte commerciale. Nella top 20 entra anche il Milan, 19° a quota 216,3 milioni di ricavi.

Posizione Club Ricavi
21 Aston Villa 207,3
22 Siviglia 199,5
23 Leeds 192,7
24 Roma 190,4
25 Atalanta 187,6
26 Southampton 177,5
27 Borussia Moenchengladbach 177,5
28 Napoli 174,5
29 Newcastle 170,1
30 Lazio 163,5

Posizioni dalla 21 alla 30 (dati in mln di euro)

Il Napoli, che esce dalla top 20 della Money League, ha registrato un fatturato pari a 174,5 milioni, crollando in questo modo al 27° posto della graduatoria complessiva. Il club partenopeo è stato scavalcato da altre due italiane, che sono la Roma – con 190,4 milioni di fatturato – e l’Atalanta (187,6 milioni di euro nel 2019/20). Ultima delle italiane è la Lazio, in 30esima posizione con 163,5 milioni di euro spinta dal ritorno in Champions League.

Deloitte Football Money League 2021 – Undici inglesi in top 20

Tornando alla top 20, il Barcellona ha generato ricavi per 582,1 milioni di euro, scivolando al quarto posto. Il Manchester United, invece, è quinto con un fatturato di 558 milioni di euro. Paris Saint-Germain (6 ° – € 556,2 milioni), Liverpool (7 ° – € 550,4 milioni), Chelsea (8 ° € 493,1 milioni), Juventus (9 ° – € 433,5) e Tottenham (10 ° – 406,2 milioni di euro) completano le prime dieci posizioni.

Ben 15 dei 20 club della Money League 2022 erano presenti anche nella scorsa edizione, con Wolverhampton, West Ham e Leicester – tutti club inglesi – che rimpiazzano Eintracht Francoforte, Napoli, Lione e Schalke 04, a dimostrazione del divario in crescita tra la Premier League e gli altri top campionati d’Europa.

ABBONATI A DAZN ENTRO IL 21 MARZO AL PREZZO SPECIALE DI 14,99€ AL MESE ANZICHÉ 29,99€ AL MESE PER I PRIMI 3 MESI

PrecedenteDAZN a sconto: ultimo giorno per avere 3 mesi a metà prezzo
SuccessivoPlayoff Mondiali, Gravina: «Non tremiamo, il futuro ci attende»