Abramovich beni congelati
(Foto: Paul Gilham/Getty Images)

Ufficiali della città di Porto hanno arrestato nella giornata di oggi il leader della comunità ebraica locale, accusato di aver emesso il documento che ha consentito al miliardario russo Roman Abramovich di ottenere la cittadinanza portoghese lo scorso anno. Il rabbino Daniel Litvak è stato fermato nell’ambito di un’indagine in corso sulla concessione della cittadinanza al proprietario del Chelsea.

In una dichiarazione, la comunità ebraica di Porto ha negato qualsiasi illecito e ha affermato di essere stata oggetto di una «campagna diffamatoria». Ha fatto sapere che il rabbino Litvak ha supervisionato il dipartimento che certifica la nazionalità portoghese sulla base di criteri che «sono stati accettati dai governi successivi».

Ad Abramovich è stata concessa la cittadinanza nell’aprile 2021 sulla base di una legge che offre la naturalizzazione ai discendenti di ebrei sefarditi espulsi dalla penisola iberica durante l’Inquisizione medievale. Le genealogie dei candidati sono controllate da esperti in uno dei centri ebraici portoghesi a Lisbona o Porto. Il centro di Porto, dove Litvak è il rabbino, era responsabile del processo per la cittadinanza ad Abramovich.

I pubblici ministeri hanno aperto un’inchiesta a gennaio e giovedì, una fonte del governo portoghese ha detto a Reuters che la cittadinanza di Abramovich potrebbe essere revocata a seconda dell’esito dell’indagine. La comunità ebraica di Porto ha affermato che i pubblici ministeri stanno anche indagando sulla certificazione della nazionalità portoghese concessa dalla comunità ebraica di Lisbona al miliardario franco-israeliano Patrick Drahi, il fondatore del gruppo di telecomunicazioni Altice.

GUARDA JUVENTUS-VILLARREAL IN DIRETTA SU AMAZON PRIME VIDEO. PROVA IL SERVIZIO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere

PrecedenteNike per ora non scarica il Chelsea e resta sponsor
SuccessivoBarone: «Cessione della Fiorentina? Voci false»