Svelato il progetto per il nuovo Artemio Franchi

Il progetto dello studio Arup, firmato dall’architetto David Hirsch, è il vincitore del concorso internazionale per il restyling dello stadio Artemio Franchi di Firenze, opera progettata da Pier Luigi Nervi:…

Nuovo stadio Franchi

Il progetto dello studio Arup, firmato dall’architetto David Hirsch, è il vincitore del concorso internazionale per il restyling dello stadio Artemio Franchi di Firenze, opera progettata da Pier Luigi Nervi: l’annuncio nel corso di una cerimonia a Palazzo Vecchio alla presenza tra gli altri del presidente del CONI Giovanni Malagò e del presidente della FIGC Gabriele Gravina.

Il nuovo Franchi – che sarà finanziato con i soldi del Recovery Fund – ha una capienza di almeno 40mila posti, prevede una sottile lama metallica rettangolare posta sopra le tribune storiche dell’impianto e maggior vicinanza tra gli spalti e il campo, come richiesto più volte anche dai tifosi. Nello spazio che si genera tra le due curve (quella originale e quella nuova) si prevede un museo per spazi espositivi (nella curva Ferrovia) e un auditorium (nella curva Fiesole).

[cfDaznAlmanaccoCalcioPlayer]

Rinascerà anche l’area del quartiere di Campo di Marte: sarà creato un parco, oltre a un polo ricettivo di 5.000 mq e un polo commerciale, sempre di 5.000 mq. Grande spazio anche alla sostenibilità: la nuova copertura dello stadio permetterà la produzione di energia rinnovabile tramite pannelli fotovoltaici per servire sia lo stadio che gli edifici del masterplan.

La roadmap ha tempi certi (e stretti): i cantieri dovranno partire nel 2023 (probabilmente a ottobre) e chiudere entro il 2026. Il progetto vincitore è stato scelto in una rosa di 31 proposte: a ottobre 2021 la commissione internazionale ha individuato le otto migliori idee progettuali e poi è stato appunto scelto lo studio Arup che ha lavorato in passato anche sugli stadi di Monaco e Pechino.

Il senior architect Filippo Minora, che fa parte del team di Hirsch, ha definito come «possibile» l’ipotesi che la Fiorentina possa giocare al Franchi durante i lavori. «Siamo felicissimi. Porteremo i tifosi vicino al campo», ha aggiunto.

E se il sindaco di Firenze Dario Nardella ha detto che il nuovo progetto è «elegante e sobrio» affermando poi che anche il direttore generale della Fiorentina Joe Barone «è rimasto piacevolmente colpito», sono arrivate invece alcune critiche dalla Fondazione Nervi: «Ha lasciato un po’ interdetti che la cerimonia si sia soprattutto focalizzata sul mondo del calcio».

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.