Investimenti soci club italiani
(Foto: Marco Luzzani/Getty Images)

Milan e Inter non si sono fatte male. Le due formazioni, in campo per la semifinale di andata della Coppa Italia, si sono bloccate sullo 0-0 dando vita a un match non particolarmente spettacolare e che ha messo in mostra un basso livello tecnico, accentuato probabilmente dalla stanchezza di una stagione intensa e ancora apertissima su diversi fronti.

Mentre la sfida non ha offerto uno spettacolo da ricordare, il contorno è stato di alto livello. A San Siro si sono presentati oltre 56mila spettatori – il massimo attualmente disponibile con la capienza al 75% -, mentre gli altri tifosi si sono raccolti davanti al teleschermo, trasformando Milan-Inter nella partita più seguita in chiaro della stagione dopo la finale di Supercoppa italiana.

L’incontro, andato in onda su Canale 5 con calcio d’inizio fissato per le ore 21, ha fatto registrare davanti al video 6.028.000 spettatori pari al 23,9% di share. Un dato che supera nettamente i 5.027.000 spettatori (con 20,2% di share) fatti registrare da quella che era stata finora la sfida più vista della competizione: il quarto di finale Juventus-Sassuolo.

Neanche la Champions League è riuscita a fare meglio quest’anno, almeno fino ad ora. La partita Villarreal-Juventus, valida per l’andata degli ottavi di finale del torneo e la più seguita in questa stagione, ha incollato davanti al teleschermo 5.336.000 spettatori con uno share del 21,2%. Solo la finale di Supercoppa italiana tra Inter e Juventus a fatto meglio finora, toccando i 7,8 milioni di telespettatori.

Il derby in tv, dunque, funziona. Ed è probabile che il match di ritorno – che assegnerà la qualificazione alla finalissima della manifestazione – venga seguito da un numero ancora maggiore di tifosi. Questa sera, invece, toccherà a Fiorentina e Juventus affrontarsi, un’altra sfida che – sulla scia del mercato di gennaio e del trasferimento di Vlahovic – promette scintille.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteSerie A, Abu Dhabi offre 35 milioni per i diritti tv
SuccessivoRoman Abramovich potrebbe vendere il Chelsea