Abramovich cessione Chelsea
(Photo credit should read BEN STANSALL/AFP via Getty Images)

Il futuro del Chelsea è avvolto dall’incertezza dopo che è stato rivelato che il patron russo Roman Abramovich sta tagliando i suoi legami con il Regno Unito. Il parlamentare laburista Chris Bryant ha dichiarato ieri che l’oligarca russo-israeliano sta vendendo le sue case a Londra, con il club di Premier League che non ha negato la possibilità di una cessione.

In passato Abramovich ha resistito a più tentativi di acquistare il Chelsea, rifiutando addirittura offerte superiori ai 2 miliardi di sterline per i Campioni d’Europa. Ma l’invasione russa dell’Ucraina – spiega l’autorevole quotidiano inglese The Times – ha aperto le porte a potenziali acquirenti a causa della minaccia di sanzioni governative.

Il miliardario svizzero Hansjorg Wyss, che vanta un patrimonio di 3,8 miliardi di sterline, ha affermato che gli è stata offerta la possibilità di acquistare il Chelsea e sarebbe interessato a investire come parte di un consorzio: «Abramovich vuole sbarazzarsi rapidamente del Chelsea», ha detto l’86enne al quotidiano svizzero Blick.

«A me e ad altre tre persone martedì è stato proposto di acquistare il Chelsea da Abramovich. Adesso devo aspettare qualche giorno. Abramovich attualmente sta chiedendo troppo. Sai, il Chelsea gli deve 2 miliardi di sterline. Ma il Chelsea non ha soldi. Ad oggi, non conosciamo il prezzo di vendita esatto», ha sottolineato l’imprenditore.

Il laburista Bryant ha già chiesto ad Abramovich di condannare l’invasione della Russia o che il magnate sia sottoposto al sequestro dei suoi beni nel Regno Unito, chiedendosi se il miliardario debba essere autorizzato a rimanere il proprietario del Chelsea. Abramovich ha risposto affidando la gestione del club agli amministratori della fondazione benefica del Chelsea. La mossa ha già incontrato difficoltà a causa di potenziali violazioni della legge sulle organizzazioni benefiche nel Regno Unito.

Solitamente, il Chelsea è pronto a respingere indiscrezioni sulla vendita del club da parte di Abramovich. Ma nella giornata di ieri il club londinese ha rifiutato di rispondere a qualsiasi domanda. L’uomo d’affari svizzero Wyss, che ha fondato la società Synthes USA, ha aggiunto che potrebbe prendere in considerazione un accordo per il Chelsea solo con la collaborazione di alcuni partner.

«Posso ben immaginare di entrare al Chelsea con dei partner. Ma prima devo esaminare le condizioni generali. Ma quello che posso già dire: sicuramente non sto facendo una cosa del genere da solo. Se compro il Chelsea, allora lo faccio con un consorzio composto da sei a sette investitori», le parole dell’imprenditore.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteDerby record in tv: secondo match più visto in chiaro nel 21/22
SuccessivoUcraina e gas, la versione di Scaroni: «Un guaio ciclopico»