Lega Serie A (foto calcioefinanza.it)

L’appuntamento in Lega è fissato per giovedì 3 marzo con Lorenzo Casini, capo di Gabinetto del Ministero della cultura e uomo di fiducia del ministro Franceschini, che – secondo quanto riportato da Il Mattino – sta sbaragliando la concorrenza per diventare il prossimo presidente della Lega Serie A. Il classe 1976 è stato presentato da Aurelio De Laurentiis, numero uno del Napoli, e sarebbe l’identikit perfetto per il prossimo presidente della Lega Calcio.

Casini avrebbe superato così la concorrenza di Mauro Masi e di Lorenzo Bini Smaghi, dopo il ritiro di Bonomi. Bini Smaghi è stato membro esecutivo della Bce dal 2005 al 2011, è in ottimi rapporti con Mario Draghi ed è stato proposto dai club con la presidenza americana come lo Spezia. Masi è l’ex direttore generale di Rai, vicino a Forza Italia e amico di Gianni Letta, e in ottimi rapporti con Claudio Lotito, patron della Lazio e in conflitto con Gravina da tempo.

In seguito alle dimissioni di Paolo Dal Pino, i venti presidenti di A sono partiti alla caccia del suo sostituto. Due erano le premesse: una figura che avesse buoni rapporti con il governo, sentendosi i club trascurati dal mondo della politica nel tema dei ristori.

In secondo luogo, le venti società di Serie A vogliono evitare un possibile commissariamento da parte di Gabriele Gravina, presidente della FIGC, che da mesi ha l’intenzione di inserire misure economiche più restrittive: ad esempio, l’indice di liquidità come criterio fondamentale per l’iscrizione al campionato. Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, si è tirato indietro, dopo essere stato proposto da una cordata ideata da Paolo Scaroni, quando ha capito che non avrebbe ricevuto il numero minimo per essere eletto.

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteSan Siro, Sala prova ad accelerare sul dibattito pubblico
SuccessivoAi supplementari la multa da 20 mln a Elliott in Francia