Mosca conquista Mariupol
Vladimir Putin (Image credit: Depositphotos)

Il Cremlino venerdì ha dichiarato di essersi rammaricato per la decisione della UEFA di spostare la finale di Champions League di quest’anno da San Pietroburgo a Parigi sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, affermando che la città sarebbe stata una buona sede per quello che è stato definito un «festival del calcio».

«È un peccato che sia stata presa una decisione del genere», ha detto il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov. «San Pietroburgo avrebbe potuto fornire le condizioni ideali per organizzare un festival del calcio del genere», ha aggiunto ancora a proposito dell’ultimo atto della competizione, spostato ancora una volta dopo le problematiche legate al Covid negli ultimi due anni.

Tra le decisioni prese dalla UEFA, anche quella di spostare dalla Russia e dall’Ucraina tutte le partite già programmate per quanto riguarda le competizioni europee. Il riferimento è sia alle sfide tra club, sia a quelle tra Nazionali.

Image creditDepositphotos

ISCRIVITI AD AMAZON PRIME VIDEO E PROVALO GRATIS PER 30 GIORNI. CLICCA QUI PER REGISTRARTI

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

PrecedenteLa FIGC posticipa di 5 minuti l’inizio delle gare contro la guerra
SuccessivoSorteggio ottavi Conference League: dove vederlo in Tv e in streaming