Il Portogallo indaga sulla cittadinanza ad Abramovich

La Procura Generale in Portogallo ha aperto un’indagine sulla concessione della cittadinanza portoghese per discendenza sefardita al milionario russo Roman Abramovich, proprietario della società di calcio inglese del Chelsea. Fonti…

USA sequestro aerei Abramovich

La Procura Generale in Portogallo ha aperto un’indagine sulla concessione della cittadinanza portoghese per discendenza sefardita al milionario russo Roman Abramovich, proprietario della società di calcio inglese del Chelsea. Fonti della Procura portoghese hanno confermato a EFE che è stata aperta un’indagine presso il Dipartimento di Investigazione e Azione Penale Regionale di Lisbona, senza fornire ulteriori dettagli.

Abramovich è riuscito a essere naturalizzato portoghese nell’aprile dello scorso anno grazie alla legge sulla nazionalità portoghese, che riconosce i discendenti degli ebrei sefarditi che vivevano nella penisola iberica fino alla loro espulsione alla fine del XV secolo. L’uomo d’affari russo ha ottenuto la nazionalità dopo aver dimostrato la sua discendenza.

Una volta appresa la notizia, attivisti e commentatori hanno criticato la concessione della nazionalità ad Abramovich e il russo Alexei Navalni ha persino accusato il Portogallo di aver ricevuto tangenti per procedere in questo senso. «Finalmente [Abramovich] è riuscito a trovare un paese dove ha potuto pagare tangenti e fare alcuni pagamenti semi-ufficiali e ufficiali per finire nell’Unione europea e nella NATO», ha scritto Navalni su Twitter.

Anche l’IRN (Instituto de los Registros y Notariado) del Portogallo ha aperto un’indagine interna su questo caso, secondo quanto riportato dai media locali. Abramovich, 55 anni, nato nell’ex Unione Sovietica, vanta attualmente quattro nazionalità differenti: russa, israeliana, lituana e portoghese.