Serie A classifica senza Salernitana
(Foto: Gabriele Maltinti/Getty Images)

La Salernitana rischia seriamente l’esclusione dalla Serie A. Il club campano – amministrato dal trust che ha come obiettivo finale la cessione delle quote societarie – non ha ottenuto dal Consiglio Federale la deroga per la prosecuzione del campionato in caso di mancata cessione entro la fine dell’anno. Deroga che era invece stata avvallata dagli altri club del massimo campionato italiano.

Serie A classifica senza Salernitana – Le parole di Gravina

«Se entro dieci giorni non si trova un acquirente, il 1° gennaio la Salernitana è fuori. Non abbiamo assunto nessuna delibera, non ce n’era bisogno. Mi sono limitato a leggere il contenuto di un atto notarile. Auguro alla Salernitana di trovare un acquirente nei prossimi dieci giorni, resto convinto che sia possibile», le parole del presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina.

«Il mio rispetto nei confronti della città di Salerno e della tifoseria è totale e l’ho dimostrato dal primo istante, da quando a maggio ho iniziato ad affrontare il problema. Non è possibile oggi continuare a discutere su come una realtà di questo tipo non abbia offerte. C’è qualcosa che non va e spetta ai Trustee risolvere. Io posso dare alla città una grande speranza, ma non ho fatto alcuna promessa. Sto semplicemente mantenendo una linea di coerenza, non mando la Federazione al massacro», ha aggiunto.

Questo significa che, in caso di mancata cessione entro dieci giorni, la Serie A si dovrà porre eventualmente il problema di proseguire con 19 squadre. A questo punto, le gare disputate dalla formazione guidata attualmente da Colantuono con le altre avversarie sarebbero considerate nulle e la classifica sarebbe riscritta di conseguenza, eliminando sostanzialmente i punti conquistati dalle squadre che hanno sconfitto i granata, o hanno ottenuto un pareggio.

Serie A classifica senza Salernitana – Come cambia lo scenario

Come cambierebbe a questo punto la classifica di Serie A? La Salernitana ha conquistato otto punti in campionato, con due vittorie e due pareggi. A beneficiare di questa situazione sarebbero dunque soprattutto le squadre che hanno perso con i campani e che non perderebbero punti. Queste sono il Venezia e il Genoa (entrambe sconfitte), mentre a Cagliari e Verona – che hanno pareggiato – verrebbe tolto solamente un punto a testa. L’Udinese invece è l’unica squadra che non ha ancora giocato contro i granata, motivo per cui i suoi punti (e numero di sfide giocate) ad ora non cambierebbero:

Questa sarebbe la nuova graduatoria:

  1. Inter – 40 (17 partite)
  2. Napoli – 36 (17 partite)
  3. Milan – 36 (17 partite)
  4. Atalanta – 34 (17 partite)
  5. Fiorentina – 28 (17 partite)
  6. Roma – 28 (17 partite)
  7. Juventus 28 – (17 partite)
  8. Lazio 25 – (17 partite)
  9. Empoli 24 – (17 partite)
  10. Torino 22 – (17 partite)
  11. Verona 22 – (17 partite)
  12. Bologna 21 – (17 partite)
  13. Sassuolo 21 – (17 partite)
  14. Udinese 20 – (18 partite)
  15. Venezia 17 – (17 partite)
  16. Sampdoria 16 – (17 partite)
  17. Genoa 10 – (17 partite)
  18. Spezia 10 – (17 partite)
  19. Cagliari 9 – (17 partite)

Non avendo ancora giocato contro la Salernitana, i punti dell’Udinese rimarrebbero invariati, anche se va sottolineato che un’eventuale esclusione del club campano arriverà comunque una volta completate le sfide del girone di andata, dato che il termine per la cessione è fissato comunque al 31 dicembre.

TUTTA LA SERIE A TIM È SOLO SU DAZN: 7 PARTITE IN ESCLUSIVA E 3 IN CO-ESCLUSIVA A GIORNATA. 29,99 EURO/MESE. ATTIVA ORA. DISDICI QUANDO VUOI