John Elkann stipendio Exor
John Elkann (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)

Quanto ha fatto guadagnare EXOR, la holding della famiglia Agnelli-Elkann che è primo azionista di Stellantis e controlla tra le altre Ferrari e Juventus, ai suoi soci dalla nascita nel 2009 (dopo la fusione tra le due ex holding IFIL e IFI)? Il rendimento degli investimenti nella società viaggia a valori tripli rispetto ai principali indici di Borsa.

È quanto emerge dalla presentazione fatta dal presidente di EXOR, John Elkann, nel corso dell’Investor Day di ieri. Il nipote dell’avvocato Giovanni Agnelli è alla guida della holding di famiglia fin dalla fusione tra IFIL e IFI nel 2009: in questi 12 anni, per chi ha investito in EXOR, quindi principalmente per la famiglia Agnelli, i rendimenti sono stati particolarmente corposi.

Secondo i dati resi noti dalla società, infatti, il ritorno complessivo per gli azionisti (Total Shareholders Return), valore che comprende non solo la crescita in questi anni del valore delle azioni in Borsa ma anche quanto distribuito ai soci sottoforma di dividendi, dal 2009 ad oggi è stato pari al 1.470%.

EXOR confronta il ritorno per gli azionisti con l’andamento dei principali indici di Borsa: dal 2009 ad oggi il ritorno complessivo (Total Return) del MSCI World Index (indice di mercato azionario costituito da migliaia di titoli di livello globale, usato come metro (benchmark per i fondi azionari di mondiali o globali) è stato pari al 404%, mentre quello dell’EuroStoxx50 (un indice azionario di titoli dell’eurozona) è stato pari al 273%.

A livello di crescita media, il ritorno per gli azionisti di EXOR è stato pari al 24% medio all’anno, contro il 13% del MSCI World Index e l’11% dell’EuroStoxx50.

I maggiori beneficari, in tal senso, sono stati prima di tutto i componenti della famiglia Agnelli. La Giovanni Agnelli Bv, cassaforte di diritto olandese in cui possono essere soci solo i discendenti del Senatore Giovanni Agnelli (tra i fondatori della Fiat), è infatti l’azionista di maggioranza di EXOR, con una quota pari al 52,99%.

All’interno della società, la maggioranza è in mano alla Dicembre (38%), la storica società che fa capo agli eredi dell’avvocato Giovanni Agnelli ed è controllata da John Elkann, numero uno di EXOR.

Gli eredi di Umberto Agnelli, rappresentati dal presidente della Juventus Andrea e dalla sorella Anna, hanno invece un pacchetto di loro proprietà pari all’11,85%.

Azionisti Giovanni Agnelli BV – Il riepilogo

  • Dicembre (John Elkann e eredi Giovanni Agnelli) – 38%
  • Ramo Umberto Agnelli (Andrea Agnelli e Anna Agnelli) – 11,85%
  • Ramo Maria Sole Agnelli – 11,63%
  • Ramo Giovanni Nasi – 8,79%
  • Ramo Laura Nasi-Camerana – 6,26%
  • Ramo Susanna Agnelli – 5,11%
  • Ramo Cristiana Agnelli – 5,05%
  • Ramo Clara Nasi-Ferrero di Ventimiglia – 3,53%
  • Ramo Emanuela Nasi – 2,58%
  • Ramo Clara Agnelli – 0,27%
  • Azioni proprie – 6,93%

Scopri TIMVISION Gold con tutto Netflix, Disney+, DAZN con tutta la Serie A TIM, Infinity+ con la UEFA Champions League. Clicca qui, compila il form e ricevi maggiori informazioni

PrecedenteFloridi: «Riforma calcio, come in UK dovrebbe intervenire il governo»
SuccessivoJuve, Agnelli e Nedved potrebbero non essere interrogati