Ferrero Superlega
Massimo Ferrero (Daniele Buffa / Insidefoto)

«L’allenatore la Sampdoria già ce l’ha. Non lo annuncio ora per scaramanzia, lo farò il 4 luglio. Dopo Ranieri non si può sbagliare allenatore, ma vi posso assicurare che non si sta andando al risparmio. Ho trovato una persona che si adatti alle caratteristiche dei miei giocatori».

Così il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, intervenuto alla trasmissione “La Politica nel Pallone” di Rai GR Parlamento. «Per quanto riguarda la questione Superlega, dico che ci sono costi incredibili nel mondo del calcio. Lukaku, ad esempio, non lo avrei mai pagato 60 milioni, mi sarei invece preso 3 giocatori di prospettiva», ha sottolineato.

«Avendo i grandi club degli ingaggi troppo alti, hanno provato a uccidere il calcio europeo. Una top player femminile prende 30.000 euro, uno maschile 4 milioni. Poi facciamo i discorsi sull’uguaglianza…», ha aggiunto il patron dei blucerchiati.

«I presidenti devono darsi una regolata, altrimenti non c’è mercato. Damsgard non è in vendita perché voglio arrivare a una valutazione da 30 a 50 milioni, è un talento puro», ha aggiunto. Poi un commento sui nuovi slot orari per la Serie A: «Spezzatino? Ho timore che troppe novità possano scoraggiare tifosi, che sono la vera anima di questo sport».

E ancora, sulla Nazionale: «L’auspicio è che l’Italia possa arrivare a riprendersi l’Europa. Mancini è un grande allenatore, che ha avuto il coraggio di schierare le giovani eccellenze del calcio italiano. Abbiamo grandi chance e abbiamo una rosa meravigliosa».

GUARDA EURO 2020 IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE