Premi Champions League 2021 2022
(Foto: Poolfoto Panoramic / POOL / UEFA, via Onefootball)

Premi Champions League 2021 2022 – Salgono i premi che l’Uefa distribuirà ai club che parteciperanno alla prossima edizione della Champions League. Come emerge infatti da documenti ufficiali di cui Calcio e Finanza ha preso visione, la Federcalcio continentale verserà complessivamente 2 miliardi ai 32 club che scenderanno in campo in Champions nella stagione 2021/22.

Come saranno distribuiti i premi? Ecco tutti i dettagli.

Per la fase a gironi, l’Uefa distribuirà ai club un totale di 2,022 miliardi di euro (rispetto a 1,950 miliardi per il triennio 2018/21).

Le entrate nette disponibili per i club partecipanti verranno suddivise come segue:

  • Il 25% sarà destinato alle quote di partenza (500,5 milioni di euro rispetto ai 488 milioni del 2018/21);
  • Il 30% sarà destinato agli importi fissi relativi alle prestazioni (600,6 milioni di euro rispetto ai 585 milioni del 2018/21);
  • Il 30% verrà assegnato sulla base delle classifiche dei coefficienti di rendimento decennali (600,6 milioni di euro rispetto ai 585 milioni del 2018/21);
  • Il 15% sarà relativo alle quote variabili legate al market pool (300,3 milioni di euro rispetto ai 292 milioni del 2018/21).

Premi Champions League 2021 2022, la quota di partenza (500,5 milioni)

Ciascuno dei 32 club che si qualifiucheranno per la fase a gironi riceverà 15,64 milioni di euro (15,25 nel 2018/21), suddiviso in un acconto di 14,8 milioni di euro e un saldo di 840.000 euro.

Premi Champions League 2021 2022, i bonus per i risultati (600,6 milioni)

Per ogni partita della fase a gironi verranno assegnati dei bonus in base alle prestazioni: 2,8 milioni di euro per ogni vittoria (2,7 milioni nel 2018/21) e 930.000 euro per pareggio (900mila nel 2018/21). Gli importi non distribuiti (930.000 euro per paregia) verranno raggruppati e ridistribuiti tra i club che partecipano alla fase a gironi in misura proporzionale al numero di vittorie.

I club che si qualificano per la fase a eliminazione diretta riceveranno i seguenti importi:

  • qualificazione agli ottavi di finale: 9,6 milioni di euro a società (9,5 nel 2018/21);
  • qualificazione ai quarti di finale: 10,6 milioni di euro a società (10,5 nel 2018/21);
  • qualificazione alle semifinali: 12,5 milioni di euro a società (12 nel 2018/21)
  • qualificazione alla finale: 15,5 milioni di euro a società (15 nel 2018/21).
  • vittoria in finale: 4,5 milioni (4 nel 2018/21).

Tra quota di partenza e bonus prestazioni, chi vince la Champions League può ricevere un massimo di 85,14 milioni di euro (82,45 nel 2018/21).

I due club che si qualificano alla Supercoppa UEFA 2021 riceveranno 3,5 milioni di euro ciascuno, con la vincente che riceverà 1 milione di euro supplementare.

 

Premi Champions League 2021 2022, il ranking decennale (600,6 milioni)

La cifra sarà distribuita sulla base delle prestazioni degli ultimi dieci anni. Oltre ai punti coefficienti accumulati durante questo periodo, la classifica include dei punti bonus per la vittoria di UEFA Champions League/Coppa dei Campioni, UEFA Europa League/Coppa UEFA e Coppa delle Coppe. Sulla base di questi parametri è stata stabilita una classifica, e il totale di 600,6 milioni (585 milioni nel 2018/21) è stato diviso in ‘quote di coefficiente’. Ogni quota di coefficiente vale 1,137 milioni di euro (1,108 milioni di euro nel 2018/21). La squadra più in basso in classifica riceverà una sola quota di coefficiente (1,137 milioni di euro).  Una quota verrà aggiunta ad ogni posizione, quindi la squadra prima in classifica riceverà 32 quote di coefficiente (36,38 milioni di euro contro i 35,46 milioni nel 2018/21).

Premi Champions League 2021 2022, il market pool (300,3 milioni)

L’importo disponibile stimato di 300,3 milioni di euro verrà distribuito in base al valore proporzionale di ciascun mercato televisivo rappresentato dai club partecipanti alla UEFA Champions League (dalla fase a gironi in poi) e suddivisi tra le squadre partecipanti di ogni federazione.

Metà dell’importo che rappresenta il valore di ciascun mercato sarà ripartito tra le squadre in base ai risultati nel campionato nazionale precedente. Tra le squadre di ogni federazione si applica la seguente ripartizione.

4 squadre 3 squadre 2 squadre 1 squadra
Campione 40% 45% 55% 100%
Seconda 30% 35% 45%
Terza 20% 20%
Quarta 10%

• La detentrice della UEFA Champions League o UEFA Europa League che non si qualifica in UEFA Champions League attraverso il campionato nazionale non riceverà alcuna quota da questa prima metà del market pool.

• La detentrice della UEFA Champions League o UEFA Europa League che si qualifica in UEFA Champions League anche attraverso il campionato, mantiene la percentuale spettante in base alla posizione in campionato.

L’altra metà dell’importo che rappresenta il valore di ciascun mercato verrà corrisposta proporzionalmente al numero di partite giocate da ciascun club in UEFA Champions League nel 2021/22

Ogni volta che un club di una federazione rappresentata da uno o più club nella fase a gironi di UEFA Champions League, viene eliminato in un turno di qualificazione, il 10% della quota del market pool di tale federazione viene dedotto e assegnato al club eliminato.

 

I vari importi distribuiti dal market pool per ogni singolo club possono essere calcolati solo dopo aver finalizzato tutti i contratti e non prima della fine della competizione, poiché l’importo esatto per ciascun club dipende da cinque fattori:

  1. L’importo finale effettivo del market pool;
  2. La griglia di partenza delle squadre che partecipano alla UEFA Champions League 2021/22;
  3. Il numero dei club partecipanti alla UEFA Champions League 2021/22 per ogni federazione;
  4. La posizione finale di ciascun club partecipante nel campionato precedente;
  5. I risultati di ogni club nella UEFA Champions League 2021/22.

Per quanto riguarda le cifre previste per la distribuzione ai club, spiega l’Uefa, “tutte le disposizioni son soggette a conferma finale da parte della UEFA e non possono essere considerate reddito garantito fino a nuovo avviso”.

Inoltre, dovrà essere calcolato anche l’impatto del Covid. Secondo le stime dell’Uefa, la riduzione complessiva dei ricavi nel 2019/20 a causa del Covid è stata di 531 milioni di euro, con un impatto sulle competizioni per club pari a 416,5 milioni di euro. La cifra sarà dedotta dalle distribuzioni dei premi in parti uguali su cinque stagioni, dal 2019/20 al 2023/24: saranno quindi detratti 83,3 milioni di euro complessivi dalle ripartizioni della stagione 2021/22, in quote proporzionali per competizione e in proporzione a quanto incassato da ogni singola società. 

GUARDA LA CHAMPIONS LEAGUE IN STREAMING SU NOW. CLICCA QUI E SCOPRI L’OFFERTA GIUSTA PER TE

1 COMMENTO