Real Madrid taglio stipendi
(Foto: Ruben Albarran/Pressinphoto, via Onefootball)

Prosegue la politica di tagli del Real Madrid, per cercare di salvaguardare i conti e il budget della stagione. Si è parlato molto del taglio degli stipendi nel corso dell’anno, fondamentale per il club e motivo di discordia in alcuni momenti della stagione, ma il taglio alla fine è stato applicato.

Secondo quanto riportato da Marca, i principali dirigenti della società hanno visto i loro stipendi ridursi del 10% del totale, come deciso dai dirigenti stessi a causa del calo dei ricavi fatto registrare dal Real Madrid a seguito dell’emergenza Coronavirus.

Giocatori e staff tecnico hanno negoziato individualmente, una volta che il gruppo ha rifiutato una riduzione collettiva degli ingaggi, come aveva fatto un anno fa. I calciatori che hanno condiviso la proposta del club – sempre di un taglio del 10% – hanno già visto ridursi il loro stipendio.

L’obiettivo dei dirigenti del Real Madrid era, ovviamente, quello di portare il bilancio in pareggio. Un paio di mesi fa fonti della società hanno parlato della mancanza di 70 milioni di euro per raggiungere questo obiettivo, circostanza che potrebbe essere superata con l’attuazione di queste misure.

Per esempio, il rinnovo di Luka Modric, firmato questa settimana, arriva con un taglio di stipendio concordato da entrambe le parti. Il croato ha capito la situazione ed è stato uno dei primi a dire sì al provvedimento del club.

SCOPRI LE NUOVE OFFERTE DI SKY PER LA STAGIONE 2021/2022. CLICCA QUI E COMPILA IL FORM SUL SITO DI SKY PER AVERE TUTTE LE INFO SU CALCIO, SPORT E INTRATTENIMENTO