Tik Tok partner Euro 2020
(Photo by Dan Istitene/Getty Images)

Nelle isole piano vaccinale in fase avanzata, sul continente grande difficoltà. Non è sicuramente una novità il differente passo che la Gran Bretagna sta mantenendo nei confronti dei Paesi UE, e tutto questo potrebbe avere degli effetti sulla geografia di Euro 2020.

Il premier inglese Boris Johnson si è infatti offerto di ospitare l’intera competizione nel Regno Unito, invece che nelle 12 diverse sedi previste dall’Uefa: “Qualsiasi gara vogliano che ospitiamo, noi ci siamo. Ospiteremo gli Europei, ospiteremo le semifinali e le finali. Se vogliono che qualsiasi altro match venga disputato da noi, noi siamo qua”.

A riportarlo è il Sun, che aggiunge come il premier “muoia dalla voglia di una pinta” per brindare alla possibilità di un maggiore coinvolgimento britannico nella competizione, non appena i pub saranno nuovamente aperti. Si prevede che tutte le restrizioni possano essere rimosse entro giugno, e la speranza è che con passaporti vaccinali e test di massa si possano riempire i 90.000 posti di Wembley per la fase finale di luglio.

Il quotidiano riporta inoltre che un europeo ospitato nel Regno Unito potrebbe fungere da prova generale per i mondiali del 2030, per i quali la Londra e Dublino presenteranno congiuntamente la candidatura.

SERIE A, CHAMPIONS LEAGUE ED EUROPA LEAGUE: SCOPRI LE NUOVE OFFERTE DI SKY CLICCA QUI E COMPILA IL FORM