(foto Mediapro)

ARTICOLO A CURA DI CESAR GRAFIETTI

Il 30 gennaio si giocherà la finale della Copa Libertadores da América, la principale competizione per i club del Sud America ed equivalente continentale della Champions League.

Se due edizioni fa abbiamo avuto una finale storica tra Boca Juniors e River Plate – in cui la partita finale è stata giocata a Madrid per motivi di sicurezza – e l’anno scorso i brasiliani del Flamengo hanno sconfitto gli argentini del River Plate, l’edizione 2020 avrà una finale tutta brasiliana, giocata tra Palmeiras e Santos.

Nella partita che si svolgerà al mitico Maracanã, il Palmeiras cercherà la seconda vittoria, mentre il Santos lotta per la quarta vittoria. La sfida sarà visibile in diretta alle 21.00 (ora italiana) su DAZN (CLICCA QUI)

Ma come vanno le finanze di questi finalisti, soprattutto in un momento in cui la pandemia ha gravemente colpito i numeri dei club fuori dal campo? E l’impatto della pandemia sul calcio brasiliano?

Tratteremo questi argomenti in seguito. Prima, alcuni commenti sulle finanze del calcio brasiliano:

  • I club sono tenuti a fornire i bilanci finanziari annuali e alcuni forniscono dati trimestrali;
  • I club sono per lo più organizzati in associazioni senza scopo di lucro. Nelle serie A e B c’è un solo club che è una società di capitali: il Red Bull Bragantino.

Un aspetto importante nell’analisi comparativa dei numeri è il tasso di cambio. Nel 2020 € 1,00 equivaleva a una media di R$ 6,50 (sei reais e cinquanta centesimi).

Il comportamento storico del rapporto tra euro e reais è visibile nel grafico sottostante:

Pertanto, i valori che presenteremo per il 2020 sono fortemente influenzati dalla pesante svalutazione del tasso di cambio osservata in Brasile nel 2020.

Gli effetti della pandemia sulle finanze del calcio brasiliano

Oltre alle questioni macroeconomiche, la pandemia ha avuto un impatto sul numero dei club. L’interruzione del calcio è avvenuta ad aprile, prima dell’inizio del campionato brasiliano e con pochi round disputati della Copa Libertadores. Infatti, i club non hanno avuto praticamente entrate alla biglietteria.

Mentre il Campionato Brasiliano e la Copa Libertadores sono tornati ad agosto, parte delle entrate dei diritti televisivi è stata trasferita al 2021, poiché le competizioni si concluderanno a gennaio e febbraio. Di conseguenza, c’è stato un enorme impatto sui ricavi dei club.

La finale della Copa Libertadores da America

Abbiamo iniziato con i dati del 2019, l’ultimo anno con informazioni complete. Nella lista dei 10 maggiori ricavi dei club brasiliani troviamo Palmeiras e Santos, che hanno caratteristiche diverse.

Mentre Palmeiras è il secondo più grande fatturato totale e ricorrente, Santos presenta il quarto fatturato totale, ma è solo l’undicesimo ricorrente. La differenza tra i due è che Palmeiras ha una maggiore diversificazione tra diritti TV, biglietteria, pubblicità e negoziazione degli atleti, mentre Santos dipende molto dalla negoziazione degli atleti per aumentare i propri ricavi.

Si noti di seguito nella distribuzione dei ricavi 2019 che Palmeiras è molto più diversificato dallo Santos, che dipende dalla TV e dalla negoziazione dei diritti degli atleti.

Abbiamo quindi dei numeri per il 2020, che risentono fortemente delle conseguenze della pandemia, direttamente e indirettamente, perché oltre alla riduzione dei ricavi nei club, la valuta brasiliana (Real) ha subito una forte svalutazione nell’anno.

* Include i ricavi dei diritti TV e pubblicità / ** Importo lordo della vendita di atleti / *** Esclusi i ricavi della vendita degli atleti

Con dati chiusi fino a novembre, il 2020 si sta rivelando molto duro per i club, tanto che il Palmeiras stima una perdita superiore ai 20 milioni di euro, mentre il numero del Santos è proporzionalmente peggiore: 18 milioni di euro.

Se tutti i ricavi venissero contabilizzati integralmente nel 2020, il Palmeiras dovrebbe raggiungere qualcosa come 100 milioni di euro, mentre il Santos si aggira intorno ai 45 milioni di euro, valori che possono ancora essere aggiunti al premio per la vittoria della Copa Libertadores (circa 5 milioni di euro) e la partecipazione al Mondiale per Club (altri 5 milioni di euro).

Prospettive economiche per i club brasiliani

Abbiamo preparato un esercizio per cercare di proiettare gli impatti della pandemia sulle finanze dei club brasiliani della Serie A, nonché quello che sarà lo sviluppo vista la ripresa delle attività entro una certa normalità dal 2021.

Il calcio brasiliano della Serie A ha raccolto 906 milioni di euro nel 2019 e l’impatto della pandemia è stato una riduzione del 12% delle entrate totali. L’effetto consolidato è relativamente contenuto perché parte della riduzione dei ricavi commerciali e di giornata è stata recuperata dalla vendita dei diritti degli atleti, una fonte importante in Brasile.

Con la ripresa dell’attività nel 2021, il trend è in ripresa, con una crescita dei ricavi del 23%. Un aspetto che aiuta in questa ricomposizione è il fatto che il campionato della Serie A inizia solo a fine aprile, il che dà il tempo perché la pandemia venga mitigata.

Da quel momento in poi, ci si attende una crescita modesta, che rappresenta il passo con le aspettative sull’economia brasiliana. I contratti televisivi cambiano solo nel 2025 e ciò che ha il maggior potenziale di sorpresa è un forte volume di vendite di diritti degli atleti, ma che ha sempre un impatto su club specifici e non sull’intero settore sportivo.

Il risultato finale è un settore fragile, dove i club più grandi hanno entrate molto modeste quando convertite in euro, e questo ostacola lo sviluppo locale, tenendo i club, in qualche modo, ostaggi della grande forza finanziaria europea.

Il Congresso brasiliano sta studiando una legge che crei un quadro normativo che consenta ai club di diventare una società senza perdere competitività finanziaria, oltre a definire regole chiare per il passaggio dal modello associativo al modello aziendale.

La grande difficoltà per chi intende investire è proprio quella di conoscere la struttura del calcio brasiliano, i suoi modelli di business, le competizioni interne e l’intero ecosistema in cui è inserito. Questo è un lavoro che svolgo da tempo, aiutando gli investitori e trovando opportunità di business nel calcio brasiliano. Esistono, ma il modo per trovarli richiede persone che conoscano le strutture.

Ad esempio, i club della Seria A brasiliana insieme hanno un debito totale di 1,8 miliardi di euro, come mostrato nel grafico sottostante. E un enorme volume di accantonamenti che potrebbe trasformarsi in debito nei prossimi anni.

GUARDA LA FINALE DI COPA LIBERTADORES SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO