Arnault Milan trattativa
Bernard Arnault proprietario del gruppo LVMH (Foto Insidefoto)

LVMH bilancio 2020 – LVMH, il principale gruppo mondiale di prodotti del lusso, ha registrato un fatturato di 44,7 miliardi di euro nel 2020 (in calo del 17%) e i ricavi organici sono diminuiti del 16% rispetto al 2019.

Commentando i risultati, il gruppo di Bernard Arnault evidenzia in una nota di aver «mostrato una buona resilienza nel 2020 in un contesto economico gravemente perturbato dalla grave crisi sanitaria, che ha portato alla sospensione dei viaggi internazionali e alla chiusura dei negozi e dei siti produttivi del Gruppo nella maggior parte dei Paesi per un periodo di diversi mesi».

L’utile delle operazioni ricorrenti, pari a 8,3 miliardi di euro nel 2020, è diminuito del 28% nel corso dell’anno a causa di un ritorno alla crescita nel secondo semestre, in aumento del 7%. Il margine operativo ha raggiunto il 18,6% nel 2020. La quota di utile netto del gruppo è stata di 4,7 miliardi di euro, in calo del 34%.

Con una flessione organica dei ricavi del 3% nel quarto trimestre, il gruppo ha registrato un significativo miglioramento dei trend in tutte le sue attività rispetto ai primi nove mesi del 2020. Il comparto Fashion & Leather Goods in particolare, ha registrato una performance notevole, con un doppio crescita delle cifre sia nel terzo che nel quarto trimestre.

Mentre l’Europa è ancora colpita dalla crisi, gli Stati Uniti hanno registrato una buona ripresa e l’Asia è cresciuta fortemente. I punti salienti del 2020, secondo quanto viene evidenziato, includono innanzitutto massima priorità data alla salute e alla sicurezza dei dipendenti e dei clienti, supporto diretto nella lotta alla pandemia, buona resilienza, in particolare dai principali marchi.

Tra gli altri aspetti evidenziati:

  • il successo di prodotti iconici e nuovi da Louis Vuitton
  • un free cash flow operativo equivalente a quello del 2019
  • il completamento dell’accordo con l’americana Tiffany

Sottolineato infine che il secondo semestre è stato segnato da «un forte recupero in Asia, che ha visto una crescita a doppia cifra, e un significativo miglioramento delle tendenze negli Stati Uniti e in Giappone, e una crescita organica a doppia cifra dei ricavi di Louis Vuitton e Christian Dior negli ultimi due trimestri del 2020».

LVMH bilancio 2020 – Le parole di Arnault

«LVMH ha dimostrato una notevole capacità di recupero contro la crisi sanitaria senza precedenti che il mondo ha vissuto nel 2020», ha affermato il presidente e amministratore delegato, Bernard Arnault.

«In un contesto che rimane incerto, anche con la speranza che la vaccinazione ci dia un’idea della fine della pandemia siamo fiduciosi che LVMH sia in una posizione eccellente per costruire sulla ripresa che il mondo desidera nel 2021 e per rafforzare ulteriormente la nostra leadership nel mercato globale del lusso», ha aggiunto.

«La nostra priorità è stata proteggere la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti e dei nostri clienti. Le nostre Maison hanno dimostrato grande agilità ed energia creativa nel continuare a dare vita ai sogni dei nostri clienti attraverso un’esperienza digitale unica, rafforzando così ulteriormente la loro desiderabilità. La nostra attenzione per l’innovazione dinamica è stata accompagnata da un forte impegno per l’ambiente, la sostenibilità e l’inclusione. Iniziamo il 2021 con il piacere di accogliere l’iconica gioielleria Maison Tiffany e i suoi team nel nostro gruppo», ha concluso Arnault.