Serie B diritti Tv 2021 2024
(Photo by Marco M. Mantovani/Getty Images for Lega Serie B)

L’Assemblea della Lega di Serie B si è riunita in videoconferenza, con tutte le società presenti, e ha approvato le linee guida per i diritti tv del triennio 2021-2024.

In apertura il presidente Balata ha illustrato gli aggiornamenti sulle procedure e protocolli in caso di positività Covid presentati nel Consiglio Federale. Proprio l’organo della Figc ha confermato la conformità ai principi generali dei regolamenti approvati dalle leghe e, inoltre, ha comunicato l’elenco di laboratori disponibili a cui eventualmente rivolgersi per adempiere alle prescrizioni di contrasto al Covid in occasione delle gare ed anche in caso di emergenza nelle ore immediatamente precedenti alla gara.

L’assemblea ha anche deciso che non vi siano condizioni né oggettive né scientifiche per seguire indicazioni diverse da quelle contenute nel Protocollo federale approvato dal Comitato Tecnico Scientifico.

E’ stato quindi dato atto da parte di alcuni club del successo ottenuto in Consiglio federale dal presidente Mauro Balata per la revisione dell’articolo 96 delle Noif, una modifica particolarmente auspicata, da anni, dalla Lega Serie B in quanto incidente in particolare sul diritto dei club di Serie B al riconoscimento del premio di preparazione e al contributo di formazione dei giovani calciatori.

In seguito sono state approvate all’unanimità le linee guida per la commercializzazione dei diritti televisivi 2021-2024. Primo passo dell’iter che porterà alla licenza dei pacchetti relativi al campionato della Serie BKT.

Il presidente Balata ha poi comunicato all’Assemblea l’invio di una nota formale sul tema Diritti audiovisivi e sui progetti in corso di approvazione nella Lega maggiore che non possono prescindere da quelli che sono i diritti delle associate della Lega B. Nella missiva, coerentemente all’orientamento fino a oggi rappresentato dai club della Serie B, si rappresenta lo stupore per il mancato coinvolgimento su “vicende che evidentemente incidono sui diritti della seconda Lega professionista italiana e con richiesta di astensione da qualsiasi azione che attraverso la distribuzione di risorse, possa pregiudicare gli interessi delle società attualmente associate alla Lega Serie B“.

Infine sempre il presidente Balata ha relazionato della telefonata avuta, nella giornata di ieri, con il Ministro per lo Sviluppo economico Stefano Patuanelli il quale ha ribadito l’attenzione che il Governo ripone sulla Serie B e sulle istanze dei club, in forte crisi per la situazione dovuta al crollo dei ricavi. Riferito anche il particolare impegno da parte del presidente federale Gabriele Gravina in merito a tutte le istanze ritenute di interesse delle società associate alla Lega B e, in particolare, sul progetto Var tecnologia appoggiata dalla Figc sin dal suo inizio.