Spezia nuovo stadio
(Photo by Getty Images/Getty Images)

«Uno stadio da serie A, per una Città da serie A». Così il Sindaco di La Spezia Pierluigi Peracchini commenta lo studio di fattibilità dello Stadio Picco consegnato in Comune dallo studio di architettura di Milano “Don’s stop”.

«L’obiettivo è raggiungere i 16.000 posti richiesti con uno stadio esteticamente bello, e non solo sportivamente pronto per il campionato. E soprattutto a giocare in casa il 5 dicembre contro la Lazio. A fine mese ci sarà la presentazione ufficiale dello studio con i pareri definitivi di tutti gli organi competenti», ha detto il sindaco.

I punti principali del progetto sono:

  • l’abbattimento dell’attuale tribuna con la costruzione di una nuova su due piani di 5.500 posti senza barriere;
  • la predisposizione di tutti i servizi, gli uffici, ski box;
  • l’implementazione della capienza della curva Piscina ad oltre 3.300 posti
  • la copertura dello stadio

Solo per la Curva Piscina sono previste due ipotesi con o senza copertura. La capienza della gradinata sarà di 3.100 posti e quella della Curva Ferrovia 4.014. «A seguire la presentazione dello studio completo a fine mese, poi inizierà l’interlocuzione con lo Spezia Calcio per i passi successivi: il progetto esecutivo e il crono programma per la sua realizzazione», continua Peracchini.

«Il punto fondamentale – conclude il sindaco – è sia realizzare per step l’opera sia consentire alla nostra squadra di ottenere le deroghe necessarie a giocare nel nostro stadio. Lunedì prossimo sarà deliberato in Giunta anche il restauro dell’ingresso storico del Picco: per il nostro stadio, infatti, nonostante il restyling completo, non possiamo certamente dimenticare la sua storia che deve essere valorizzata».