Greg Clarke dimissioni Consiglio FIFA
(Photo by Jordan Mansfield/Getty Images)

Greg Clarke dimissioni Consiglio FIFA – Greg Clarke si è dimesso dalla carica di vicepresidente della FIFA per la regione Uefa, dopo che martedì ha lasciato il suo posto come presidente della Football Association in seguito ad alcune frasi razziste pronunciate durante un’audizione al Comitato Digitale, Cultura, Media e Sport.

Clarke è stato inoltre criticato per alcune osservazioni sessiste sul calcio femminile, descrivendo l’omosessualità come una «scelta di vita» e per «aver usato stereotipi» nei confronti delle persone asiatiche che lavorano nel dipartimento IT della Federcalcio.

L’ex numero uno della FA nella giornata di ieri – mercoledì 11 novembre – ha detto a BBC Sport che avrebbe mantenuto la sua posizione di rappresentante della Uefa nel Consiglio FIFA fino a marzo 2021 su richiesta del presidente dell’Uefa Aleksander Ceferin, al fine di proteggere i diritti di voto dell’organo di governo europeo fino ad allora. tuttavia, dopo un ulteriore colloquio telefonico con il numero uno della Federcalcio europea, sono arrivate le dimissioni.

La UEFA nominerà un sostituto ad interim per partecipare al prossimo incontro della Fifa prima di nominare un sostituto a tempo pieno nel mese d i marzo.

La FIFA aveva così commentato la vicenda, prima che arrivassero le dimissioni: “La posizione di tolleranza zero della FIFA sulla discriminazione rimane ferma e chiara: qualsiasi forma di discriminazione, inclusi razzismo, sessismo e omofobia, non ha posto nel calcio. Date le circostanze e data la natura dei suoi commenti, la FIFA ritiene che il signor Clarke abbia fatto la cosa giusta dimettendosi da presidente della FA. È, ovviamente, libero di dimettersi dal Consiglio FIFA, così come si è dimesso da presidente della FA. Spetta al signor Clarke prendere questa decisione”. Decisione che non è tardata ad arrivare.