Serie A classifica siti web
(Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

Serie A classifica siti web – L’Osservatorio Digitale ha realizzato un’analisi sulle 20 società di calcio della Serie A TIM per la stagione 2020-21, prendendo in considerazione i siti ufficiali dei club e le attività di social media marketing registrate su Facebook, Instagram, Twitter e Youtube.

Lo studio – riportato da Il Sole 24 Ore – ha permesso di stilare la classifica dei siti internet, che vede nelle prime 3 posizioni la Juventus con 4,5 milioni di utenti al mese, l’Inter con 3,6 milioni e il Milan con 2,5 milioni.

Molto più staccate la Roma (959 mila), la Lazio (757 mila) e l’Atalanta (580 mila). Il confronto con lo stesso mese dell’anno passato (settembre 2019) rileva che 14 club su 20 hanno registrato aumenti davvero importanti come il 437% della Lazio, il 169% del Cagliari e il 168% dell’Udinese. Deludenti Benevento (-81%) e Bologna (-76%).

Serie A classifica siti web – Il lato social

Per quanto riguarda il numero di follower sui social (Facebook, Instagram, Twitter e YouTube) la Juventus resta al primo posto con oltre 97,8 milioni (i bianconeri hanno superato i 100 milioni considerando TikTok e gli account Twitter in altre lingue), secondo il Milan con 41,8 milioni e terza l’Inter con 35,3 milioni. A seguire Roma 13 milioni, Napoli 9 milioni e Fiorentina 2,8 milioni. Ultime le 3 neopromosse Crotone, Benevento e Spezia.

Per engagement, invece, cioè per il reale valore del successo di un account in quanto misura il coinvolgimento e l’interazione con gli utenti, la Juventus è sempre prima con oltre 51 milioni, seconda Inter con 41,8 e terzo Milan con 35,3. A seguire il Napoli con 13,5 milioni, Roma con 9 e Atalanta con 2,8 milioni. Agli ultimi 3 posti Sassuolo, Udinese e Crotone.

(Fonte: Il Sole 24 Ore)

Serie A classifica siti web – Il rapporto engagement\follower

Infine, è interessante indagare il rapporto engagement\follower. Inter e Milan, per esempio, seppure dispongano di un seguito sui social minore della Juventus, riescono a creare, più dei bianconeri, una tifoseria che commenta, condivide e interagisce: questa attività di conseguenza posiziona il brand in modo importante e lo valorizza anche dal punto di vista del posizionamento algoritmico e di mercato digitale.

Dato sorprendente quello dell’Atalanta che fa registrare il rapporto tra engagement e follower (20) più alto tra le squadre di Serie A. Da sottolineare le performance dello Spezia (16) e del Benevento (14) che hanno ottimizzato il salto di categoria accendendo la propria tifoseria. Roma, Torino, Udinese e Bologna hanno invece il più basso tasso di coinvolgimento dei propri follower.

«In tutto il 2020 i siti non hanno sostanzialmente modificato i propri valori, anche sotto il periodo del lockdown, e i social hanno continuato ad aumentare i propri volumi, segno di un rapporto forte tra appassionati, tifosi e club indipendentemente dalla mancata competizione sportiva che si è invece consumata su altri temi, come quelli sociali, di appartenenza e di narrazione dei propri valori e delle proprie tradizioni», sottolinea Sandro Giorgetti, responsabile dell’Osservatorio Digitale.

«Questi ultimi elementi, soprattutto sui social, se adeguatamente raccontati svolgono una funzione di fidelizzazione e soprattutto di tributo al rapporto tra tifoso e club che in termini economici incide in maniera decisiva sugli sviluppi di business delle società. In Europa è questo senso di appartenenza che favorisce il merchandising e la vendita di servizi al tifoso oltre che l’ingresso allo stadio», ha concluso Giorgetti.