Ranking Uefa club
Bayern Monaco, winner of Champions League 2019/20 (Photo by Julian Finney - UEFA/UEFA / Insidefoto)

Ieri è iniziata la due giorni di presentazione da parte dell’Uefa del bando di gara per la vendita delle immagini della Champions League per il triennio 2021-2024 per il mercato italiano. Le offerte vincolanti da parte di potenziali soggetti interessati sono attese per il 12 ottobre.

A farsi avanti, secondo il sito di Milano Finanza, per valutare l’eventuale partecipazione alla gara, è stata innanzitutto Sky Italia che detiene i diritti in esclusiva per Champions (pagati 260 milioni) ed Europa League (altri 20 milioni) fino al termine di questa stagione.

A sfidare la pay, come emerso durante la presentazione di ieri, ci sono Mediaset, la Rai – le due tv in chiaro hanno visto che il calcio infrasettimanale fa ascolti elevati e rende in termini pubblicitari – l’OTT Dazn (che già ha 3 dei 10 match della SerieA e altri eventi sportivi), Tim, a dimostrazione del fatto che i contenuti del calcio sono ritenuti importanti anche dal gruppo tlc che corteggia, a distanza, le immagini del massimo campionato nazionale di calcio, e per la prima volta Amazon. Il colosso made in Usa che ha già ottenuto i diritti per alcuni match della Premiere League e della Bundesliga è intenzionata ad aggiudicarsi anche parte della Champions League.

Dulcis in fundo, anche Eurosport (gruppo Discovery) sta valutando attentamente il dossier anche se non è disposta a fare follie economiche per queste immagini. Chi, al momento, è fuori dalla contesa è invece Netflix. L’OTT americano interessato invece alla SerieA  non si è presentato ai nastri di partenza della massima competizione calcistica in ambito continentale.