Infantino salary cap
(Photo by Attila KISBENEDEK / AFP) (Photo by ATTILA KISBENEDEK/AFP via Getty Images)

Una visita a sorpresa o quasi, per parlare del ritorno dei tifosi negli stadi italiani, ma anche di altri temi. Il presidente della FIFA Gianni Infantino ha fatto visita ieri, insieme al presidente della FIGC Gabriele Gravina, al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Nella riunione sono state affrontate le questioni della piena ripartenza del calcio al tempo della pandemia anche alla luce del cosiddetto piano Marshall di sostegno economico della FIFA alle federazioni nazionali, ma anche di un tema a cui il numero uno del calcio mondiale tiene particolarmente.

Istituire insieme – scrive la Repubblica – un’agenzia mondiale contro gli abusi nel calcio, sostenuta dai governi nazionali. Si tratterebbe, nelle idee di Infantino, di un istituto in grado di prevenire e combattere fenomeni di violenza e maltrattamenti come la tratta di minori a opera di agenti senza scrupoli, ragazzi portati in Europa e abbandonati, dopo aver pagato ingenti somme a sedicenti procuratori.

Ma non solo: l’obiettivo sarebbe anche quello di prevenire molestie alle calciatrici, denunciati dalle atlete della nazionale di Haiti o dell’Afghanistan. L’Italia ha garantito il proprio impegno nel sostenere il progetto, aprendo un canale di collaborazione.