Il presidente della UEFA Aleksander Ceferin si è detto «non soddisfatto» che l’esclusione del Manchester City per due anni dalle competizioni europee sia stata annullata, ma l’organo di governo non ha intenzione di presentare ricorso contro la decisione del TAS.

Il City era stato sanzionato con una multa da 10 milioni di euro per aver ostacolato le indagini sui suoi conti, ma il TAS ha ritirato la squalifica dalla Champions League non confermando il verdetto della UEFA secondo cui il club avrebbe nascosto la fonte di almeno 204 milioni di euro di entrate da sponsorizzazioni di società collegate alla sua proprietà.

«Nessuno vuole perdere un caso», ha detto Ceferin in un’intervista all’Associated Press, discutendo del caso City per la prima volta. «Non siamo contenti della decisione del TAS. Ma dobbiamo rispettare la decisione dell’organismo che abbiamo concordato essere l’ultima istanza nel nostro processo decisionale».

A proposito del Fair Play Finanziario, Ceferin ribadisce che lo strumento «non è morto e di nuovo, il Fair Play finanziario ha avuto successo in questo caso, qui ci sono state alcune questioni procedurali, ovviamente decisive».