James Pallotta (Foto Antonietta Baldassarre / Insidefoto)
James Pallotta (Foto Antonietta Baldassarre / Insidefoto)

James Pallotta sta vendendo la sua quota di minoranza dell’8% dei Boston Celtics, franchigia della NBA americana. Lo riporta Sportico, che ha appreso la notizia da persone che hanno familiarità con l’ambiente.

L’acquirente è Steve Pagliuca, managing partner e membro del comitato esecutivo della franchigia, nonché uno degli stakeholder di maggioranza del team insieme a Wyc Grousbeck. Pagliuca, amministratore delegato di Bain Capital, starebbe acquistando la quota con una valutazione dei Celtics di 2,8 miliardi di dollari.

Pallotta non ha voluto rilasciare dichiarazioni sulla trattativa, così come lo stesso Pagliuca. La notizia della cessione della quota di minoranza della squadra NBA arriva una settimana dopo il closing che ha ufficializzato il passaggio di proprietà della Roma al magnate texano Dan Friedkin.

I Celtics valgono 3,1 miliardi di dollari, secondo Forbes. Le quote di minoranza delle squadre sportive vengono regolarmente vendute con uno sconto del 10-30% perché spesso non hanno il controllo o il diritto di voto, come nel caso della quota di Pallotta.

Boston è una delle principali franchigie NBA. I Celtics hanno vinto 17 anelli, il più recente dei quali è arrivato nel 2008. Gli uomini allenati da Brad Stevens hanno ottenuto il pass per le semifinali di Conference superando facilmente i Philadelphia 76ers con quattro vittorie consecutive e nessuna sconfitta nel primo turno dei playoff NBA, che si stanno disputando nella “bolla” di Disneyworld ad Orlando, in Florida, a causa dell’emergenza Coronavirus.