Serie A data sorteggio calendario 2020 2021
Lega Serie A (foto calcioefinanza.it)

In un momento politicamente difficile per la LFP, i club della Ligue 1 guardano con interesse e anche con invidia a quanto sta avvenendo in Italia per la Lega Serie A. Secondo quanto riportato da Le Monde, intatti, la situazione in seno alla LFP è decisamente turbolenta.

L’attuale presidente, Nathalie Boy de la Tour, ha annunciato che non si candiderà più e il 10 settembre si terranno le elezioni, spiega il quotidiano francese. Ma non c’è unanimità sul successore: il favorito sembra l’attuale AD, Didier Quillot, che però non ha il favore né del patron del Lione Jean Michel Aulas (lo accusa della conclusione anticipata della stagione 2019/20) né del patron del PSG Nasser Al Khelaifi, considerando che la sua BeIN Sports è stata di fatto esclusa dalla trasmissione delle gare in seguito all’accordo tra la Lega e Mediapro.

Indipendentemente da chi sarà il nuovo presidente di Lega, spiega Le Monde, l’obiettivo dei boss della Ligue 1 è chiaro: aumentare le proprie entrate. E guardano con invidia all’Italia, dove i club stanno negoziando con i fondi Cinven, CVC e Bain, che si dice siano pronti a iniettare miliardi di euro. “Dobbiamo creare una società commerciale e porre fine al modello associativo. Occorre cambiare la legge, ma dobbiamo ispirarci al modello inglese”, ha commentato Bernard Caiazzo, presidente dell’AS Saint-Etienne.

La Lega Serie A nelle prossime settimane deciderà sulle offerte dei fondi: le offerte sono quelle di Cvc Capital Partners, finanziaria britannica specializzata in private equity; di Bain Capital, società statunitense di investimento; e, ultima in ordine temporale, quella di Advent International, altro gruppo di private equity americano. A queste se ne aggiungono altre 3, quelle di General Atlantic, TPG e Apollo, che hanno inviato proposte di finanziamento. In extremis si sono aggiunte anche Wanda e Mediapro, che puntano però alla partnership con la Lega dal punto di vista tecnico.