CVC offerta diritti tv Serie A
(Photo by Marco Bertorello / AFP) (Photo credit should read MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Serie A fondi offerte – L’assemblea della Lega Serie A andata in scena nella giornata di ieri ha fatto muovere ai club i primi passi verso il futuro. L’ingresso dei fondi ha cambiato gli scenari, perché come ricorda il presidente della Serie A, Paolo Dal Pino, «l’incertezza stava producendo un impatto economico devastante sui conti. I broadcaster non ci pagavano, eravamo nudi».

Le offerte dei fondi – tra le quali quella vincolante di CVC – hanno dato un’accelerata a tutto il movimento, e la Serie A ha preso tempo fino al 25 agosto per valutare. Fino ad allora i club – scrive il Corriere della Sera – avranno la possibilità di consultare i dettagli delle proposte e di avviare singoli colloqui con i fondi stessi.

Per diventare soci della media company al 10% fino al 2030, CVC ha offerto 1,3 miliardi, Bain 1,4 miliardi, Advent con il gruppo Fsi di Maurizio Tamagnini 1,5 miliardi. I fondi di debito Apollo, Fortress e Blackstone si sono candidati nel ruolo di finanziatori. Wanda Infront e Mediapro corrono per essere partner industriali per allestire il canale.

Resta sul tavolo anche la partenza del campionato 2020/21. La data di partenza fissata al 12 settembre non è più un dogma. Lunedì si riunirà il Consiglio e dopo che ogni club avrà fatto pervenire le proprie indicazioni, Dal Pino con Lotito e Marotta porterà nel Consiglio federale del 4 agosto l’orientamento definitivo. La data suggerita dai più è il 19 settembre, con una riduzione dei giorni di vacanza natalizi.