Negli uffici Openjobmetis di via Telesio è tutto pronto per la prima foto ufficiale con “El General” Luis Scola che per la prossima stagione, con opzione di rinnovo per la successiva, sarà a tutti gli effetti un giocatore di Pallacanestro Varese.

Una vera bomba di mercato tanto rumoreggiata, attesa e finalmente confermata dalla società nel corso della scorsa settimana. Una firma importante che ha visto il coinvolgimento di più attori. A partire dal Presidente Marco Vittorelli che grazie ai forti legami intessuti nel tempo con la comunità argentina di Milano ha aperto la strada per i primi incontri, passando poi per Openjobmetis e i brand aderenti a Orgoglio Varese che hanno fortemente creduto e contribuito alla realizzazione di quello che all’inizio, per molti, poteva sembrare solo un bellissimo sogno.

Per concludere poi con il GM di Pallacanestro Varese Andrea Conti che con bravura, audacia ed abilità ha saputo gestire con il suo team tutte le fasi della trattativa portandola, con successo, a conclusione. Non vediamo l’ora dell’inizio della prossima stagione per godere dello spettacolo che questa nuova squadra saprà certamente regalare.

Luis Scola ha ancora voglia di dimostrare, di giocare per una squadra blasonata e storica, come quella di Varese, e di arrivare pronto per l’appuntamento con i Giochi Olimpici di Tokyo 2021, i quinti nella sua lunga e prestigiosa carriera.

«La leadership di un giocatore della sua caratura potrà fare davvero la differenza per la nostra squadra, dentro e fuori dal campo. Il suo carisma, sono certo, – afferma Marco Vittorelli, Presidente di Pallacanestro Varese – sarà determinante per aiutare nella crescita, come atleti e come uomini, i giovani che abbiamo scelto e per l’amalgama di tutto il gruppo».

L’operazione messa a punto dal club biancorosso, va sottolineato, è di importanza fondamentale: l’epidemia che ci ha colpito rischiava infatti di far perdere l’entusiasmo e la partecipazione per questo avvincente sport.

L’ingaggio di un giocatore così esperto e di fama mondiale riporta finalmente la società biancorossa, che nel recente passato ha fatto la storia del basket europeo, e la città di Varese, sotto i riflettori internazionali. Con Scola possiamo permetterci di disputare una partita in più, non in campo, ma fuori: quella della visibilità, del coinvolgimento e dell’engagement dei tifosi, ma anche dei media nazionali e internazionali.

«È tempo per noi imprenditori varesini di gettare il cuore oltre l’ostacolo – sostiene l’AD di Openjobmetis Rosario Rasizzadi supportare una volta in più il nostro territorio. Dimostriamo concretamente di essere al fianco di una società sportiva che è la storia di Varese. Il progetto Orgoglio Varese nasce proprio con questa mission: sostenere lo sport a 360 gradi, promuovendone i valori, partendo proprio dalla principale realtà sportiva. Già numerosi brand hanno scelto di credere e di aderire a questo network virtuoso, mi auguro che presto, dopo una dimostrazione così tangibile – certo complessa, che ha richiesto impegno e notevoli sforzi -come l’arrivo di Scola, anche altri imprenditori scelgano di unirsi a noi».