Juventus nuovo sito

La Juventus compie un nuovo passo in ambito digitale e lancia la nuova versione del proprio sito internet e la nuova versione della propria App. E’ la stessa società bianconera a presentare il cambiamento attraverso una nota:

«Il lancio del nuovo Juventus.com e della nuova App Juventus – si legge nel comunicato – segna un rinnovamento della strategia digitale del Club e il primo grande passo nello sviluppo di un’esperienza in cui i fan saranno al centro di un nuovo ecosistema integrato e completo.

L’obiettivo è offrire ai sostenitori un’esperienza unica e coerente su sito Web, App, Online Store (completamente ridisegnato) e Juventus TV, la piattaforma OTT del club, ora integrata come nuova sezione video.

I fan avranno anche la possibilità di accedere a una nuova e personalizzata pagina del profilo, “My Juve”, in cui potranno avere a disposizione tutto ciò che rende unica la loro esperienza con il club, dai servizi, ai prodotti, ai contenuti personalizzati.

Altra importante fase di questo processo saranno le nuove piattaforme di membership e di ticketing, il cui lancio è previsto il 1°luglio.

Il mondo digitale è per Juventus il veicolo principale di diffusione di un brand in crescita esponenziale, che proprio a questo mondo rivolge il suo sguardo per continuare il cammino nel futuro. Questo concetto si riassume nelle due parole che hanno ispirato l’innovazione che vedete oggi per la prima volta davanti ai vostri occhi: Digital First.

Sito e App sono caratterizzati da un nuovo design, audace e dirompente, ottimizzate per l’esperienza di fruizione mobile, che mette i fan al centro. Tutto è stato rielaborato, progettato con contenuti dinamici in primo piano, come video e animazioni, in un sorprendente layout asimmetrico.

Ecosistema digitale significa un luogo virtuale ma fortemente reale, in cui trovano casa tutti i tipi di utenti che vogliono avvicinarsi a Juventus, alla sua storia, al suo presente calcistico, al suo brand e alla sua filosofia: Live Ahead.

Nel nuovo Juventus.com a portata di un solo tocco, potrete trovare tutto, ma proprio tutto quello che è il complesso, articolato e meraviglioso universo delle piattaforme del club: i contenuti, il merchandising ufficiale, la possibilità di pianificare una visita allo Juventus Museum e i tour dello stadio, o di acquistare i biglietti per le partite, la sezione “Bianconeri”, in cui sono presenti tutte le offerte dedicate ai tifosi, come la Membership o l’iscrizione a un Official Fan Club.

Senza ovviamente dimenticare il collegamento costante ai canali social del Club, che negli ultimi anni hanno proiettato il brand Juventus ai vertici non solo in Italia, ma anche nel mondo (al momento, su Instagram, è terzo fra i club sportivi del pianeta).

«Fin dall’inizio del percorso che ci ha portato a immaginare, creare e lanciare il nostro nuovo ecosistema digitale, abbiamo voluto fortemente perseguire due obiettivi, fondamentali nella nostra visione. Il primo è stato porre al centro del progetto il tifoso che ora, grazie ad un rapido e semplice processo di registrazione avrà accesso in maniera agevole e personalizzata a tutti touch-point della piattaforma: potrà così godere di tutti i contenuti, in cui i video avranno un ruolo cruciale, e avere a disposizione i nostri prodotti e servizi in qualsiasi luogo e in ogni istante. A questo si aggiunge un’altra importante finalità, ovvero continuare ad ampliare la nostra audience globale, per valorizzare ulteriormente il brand e offrire ai nostri partner ulteriori occasioni di visibilità», commenta Giorgio Ricci, Chief Revenue Officer di Juventus.

«Inizia quindi oggi un nuovo ed entusiasmante percorso che valorizza ulteriormente la nostra leadership in ambito digitale e che siamo orgogliosi di poter intraprendere attraverso l’unione di due assolute eccellenze nei rispettivi campi. Gli sforzi congiunti e la passione con cui ogni singolo step è stato affrontato, ci permettono di presentare non solo un nuovo sito e una nuova app, ma soprattutto un modo diverso, più diretto e coinvolgente di rapportarci con i nostri fan», conclude Ricci.