Bonus professionisti maggio

Bonus 600 euro professionisti non INPS – I professionisti iscritti alle Casse di previdenza diverse dall’INPS che non avevano fatto richiesta per il mese di marzo, possono presentare da oggi le domande per richiedere l’indennità di 600 euro per il mese di aprile.

La domanda va inoltrata alla Cassa di previdenza a cui si è iscritti, la quale, dopo averla valutata, procederà all’ erogazione dei 600 euro secondo l’ordine cronologico di arrivo delle istanze.

Bonus 600 euro professionisti non INPS – Come richiedere l’indennità di aprile

La richiesta va presentata secondo lo schema predisposto dalle Casse e va allegata un’autocertificazione nella quale l’interessato deve dichiarare di possedere i requisiti previsti sia dall’ articolo 78 del Decreto Rilancio (Dl 34/2020) sia dal decreto dei ministeri Lavoro ed Economia firmato nei giorni scorsi.

Inoltre, la richiesta deve essere accompagnata dalla copia del documento d’identità e del codice fiscale nonché dalle coordinate bancarie necessarie per poter accreditare i 600 euro.

Bonus 600 euro professionisti non INPS – Pagamento automatico per chi ha ricevuto l’indennità di marzo

Per quanti, invece, hanno ricevuto il bonus a marzo tale procedura non è necessaria: vale da domanda già presentata e l’indennità sarà accreditata in via automatica.

Bonus 600 euro professionisti non INPS – Per maggio si attende un nuovo decreto interministeriale

Resta ora da chiarire l’iter da seguire per la tranche di maggio, sulla quale il nuovo decreto interministeriale non si esprime.

Sarà, pertanto, necessario un nuovo provvedimento, che, presumibilmente, terrà conto sia dell’ iter di conversione del Decreto Rilancio e dell’eventuale accoglimento delle richieste dei professionisti di accedere al contributo a fondo perduto (alternativo all’ indennità di 600 euro) sia della capienza dei fondi stanziati, considerato che a maggio il bonus dovrebbe salire a mille euro.