DAZN crisi Coronavirus
Dazn (foto Imago Images)

DAZN crisi Coronavirus – La piattaforma di sport in streaming DAZN starebbe valutando alcune soluzioni per affrontare la crisi derivante dall’emergenza Coronavirus. Come riporta il Financial Times, la società britannica sta studiando l’ingresso di nuovi investitori.

Secondo il quotidiano economico-finanziario inglese, l’obiettivo di DAZN è quello di fare spazio a un nuovo azionista. A tal proposito, la società avrebbe avviato colloqui con altri gruppi del settore audiovisivo, come ad esempio Liberty Media, detentrice della Formula 1.

DAZN avrebbe ricevuto risposte piuttosto fredde da questi gruppi, ma al momento non sembra prendere in considerazione la possibilità di cedere il 100% del capitale. La valutazione di mercato dell’azienda si è attestata a 3 miliardi di sterline nel 2018, dopo che il gruppo giapponese Dentsu ha acquisito il 10% delle sue attività.

L’anno scorso l’OTT britannica ha inoltre incaricato Goldman Sachs di raccogliere 500 milioni di dollari per finanziare i suoi piani di espansione, sia in altri territori che per quanto riguarda il mondo dello sport.

In una mail inviata allo staff ad aprile e pubblicata dal Financial Times, il CEO di DAZN Simon Denyer ha descritto la pandemia come «il più grande disastro che ha colpito il mondo dello sport in 75 anni e la più grande sfida che la nostra azienda abbia mai affrontato».

L’offerta della piattaforma, basata esclusivamente su competizioni sportive, è stata totalmente paralizzata e la società ha tentato di negoziare con con le varie organizzazioni – tra le quali la Lega Serie A – il differimento dei pagamenti per i diritti audiovisivi.