come chiedere il bonus vacanze
Una turista a Roma (Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Come funziona il bonus vacanze? Chi può chiederlo? E come chiederlo? Le indicazioni sono contenute in un vademecum pubblicato dall’Agenzia delle Entrate, che spiega le diverse norme fiscali contenute nel Decreto Rilancio pubblicato nei giorni scorsi sulla Gazzetta Ufficiale.

Bonus vacanze, il beneficio

Per il periodo d’imposta 2020, viene riconosciuto ai nuclei familiari un credito, fino ad un importo massimo di 500 euro, utilizzabile per il pagamento dei servizi offerti dalle imprese turistico ricettive, da bed & breakfast e agriturismo

Bonus vacanze, i destinatari

  • Nuclei familiari con ISEE in corso di validità non superiore a 40 mila euro
  • Per i nuclei familiari composti da due persone l’importo del credito è di 300 euro, per quelli composti da una sola persona è 150 euro

Bonus vacanze, le condizioni di utilizzo

  • Può essere utilizzato da un solo componente
  • Può essere speso in un’unica soluzione e nei riguardi di una sola impresa turistica ricettiva, o di un solo agriturismo o bed & breakfast
  • È fruibile nella misura dell’80%, sottoforma di sconto, per il pagamento dei servizi prestati dal fornitore. Il restante 20% è utilizzabile come detrazione dall’avente diritto
  • Il corrispettivo della prestazione deve essere documentato con fattura elettronica o documento commerciale

Bonus vacanze, le note

  • Lo sconto è rimborsato al fornitore sottoforma di credito d’imposta utilizzabile, senza limiti di importo in compensazione, ovvero cedibile anche ad istituti di credito
  • Con Provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate sono definite le modalità applicative del credito