Il presidente del Bari, Luigi De Laurentiis (foto: Youtube)
Il presidente del Bari, Luigi De Laurentiis (foto: Youtube)

Le decisioni dell’Assemblea di Lega Pro hanno scontentato alcuni club, come prevedibile. Promosse in Serie B le tre prime in classifica nei rispettivi gironi, mentre per la quarta squadra la direzione è quella di privilegiare il merito sportivo con la promozione del Carpi (davanti per media punti).

Una decisione che non piace a molte società, tra le quali il Bari di Luigi De Laurentiis, che spiega: «Alla luce di quanto emerso dall’odierna Assemblea di Lega Pro, con particolare riferimento alla proposta da porre all’attenzione del Consiglio Federale per l’individuazione della quarta promossa in Serie B, ritengo inaccettabile il criterio suggerito della “media punti”, avendo le squadre interessate giocato un diverso numero di partite».

«Questo sarebbe un criterio valutabile esclusivamente nel caso tutte avessero disputato lo stesso numero di incontri, ma ricordiamo che il Carpi, terza in classifica nel Girone B, ha giocato addirittura 4 gare in meno rispetto alle nostre 30. Sono sicuro che il Consiglio Federale, unico organo deputato ad esprimersi in merito, non potrà prendere in considerazione la proposta maturata, si guardi bene, al termine di un acceso dibattito e con un considerevole numero di astenuti», ha aggiunto.

Il presidente ha poi rilanciato sulla possibilità di giocarsi la promozione sul campo con i playoff: «Noi e molte altre società, come è apparso evidente durante l’Assemblea odierna, siamo pronti a giocarci la promozione in Serie B attraverso i playoff, appena sarà possibile giocarli e nelle modalità che verranno indicate dagli organi competenti. L’SSC Bari, sia chiaro, è pronta a difendere le proprie ragioni e i propri diritti in tutte le sedi opportune».