(Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

Le partite di calcio si disputeranno a porte chiuse in Olanda finché non sarà stato trovato, e reso disponibile, un vaccino per il Coronavirus. Questa la decisione del ministro della Salute olandese, Hugo de Jonge, che ha illustrato al Parlamento il provvedimento, parte delle misure di contenimento dell’epidemia.

Il calcio è considerato uno degli eventi a più alto tasso di rischio e quindi «non possiamo stabilire ora una data per far cessare il provvedimento delle porte chiuse. Qui si tratta di un evento di massa, con un eccezionale afflusso di pubblico, quindi questo tipo di evento sarà possibile solo quando ci sarà un vaccino», ha aggiunto de Jonge.

«Ora come ora, nessuno può prevedere quanto ci vorrà. Noi speriamo che si faccia presto, ma potrebbe succedere che ci voglia ancora un anno o forse di più», ha aggiunto il ministro. Il governo ha anche annunciato che il calcio (a porte chiuse) riprenderà l’1 settembre, con l’inizio della stagione 2020/21.