“Il comunicato della Lega calcio non ci è piaciuto, sembrava uno spot. Ma questo non è il momento delle polemiche, è quello del buon senso.» il momento della solidarietà e delle riforme”. Umberto Calcagno, vicepresidente dell’Associazione italiana calciatori (Aic) è tornato in un’intervista a Il Secolo XIX sulla questione degli emolumenti ai calciatori in tempi della pandemia da coronavirus.

“Nessuno si è mai detto contrario, tutti hanno dato la loro disponibilità. E infatti in questi giorni sono in corso colloqui con i dirigenti per trovare accordi. I giocatori sanno di dover fare la propria parte. Per questo il comunicato della Lega era fuori luogo, non ha alcun valore giuridico. Sembra più che altro uno spot. Ha ragione Messi: tocca ai presidenti tutelare i giocatori, tanto più che, ripeto, nessuno si è tirato indietro. E poi non è certo l’ unico problema del calcio”.

“Questa crisi può darci l’ occasione per avviare quelle riforme di cui da tanti anni si parla e che non sono mai state fatte. A cominciare dalla sperequazione di risorse per ciascun club, quello italiano è il campionato dove maggiore è la differenza di risorse distribuite tra club. E poi c’è l’ aspetto solidaristico. In Inghilterra, ad esempio, hanno pronti 125 milioni di sterline per la loro terza serie”.

“Stiamo lavorando con Federcalcio e Lega Pro per la creazione di un fondo solidaristico in aiuto di quei calciatori che non hanno grandi stipendi. È un obiettivo che stiamo cercando di raggiungere e ho molta fiducia, anche se certo un aiuto di Lega serie A e B sarebbe molto importante: finora non c’è stato”.

“La Juve si è mossa per prima e ha dato un segnale ma stiamo parlando di uno dei maggiori club italiani e non può essere considerato un modello per tutti. Ogni club sta trattando con i propri calciatori, ogni club avrà una propria ricetta. E anche all’interno di ogni società ci saranno casi affrontati in maniera diversa: ci sono i giocatori che hanno contratti pluriennali, ci sono quelli che sono in scadenza, ci sono i prestiti. Insomma, ci saranno soluzioni diverse e ognuno sceglierà quella più opportuna”.