Aleksander Ceferin è tornato a parlare. Il presidente della UEFA ha rilasciato un’intervista al quotidiano sloveno “Ekipa”, sottolineando ancora una volta come la sua intenzione sia quella di riprendere la stagione e concluderla regolarmente.

«La Serie A sarà conclusa. Sono ottimista e fiducioso, la Liga sarà portata a termine come la Serie A. Oggi non posso promettere o garantire nulla, tutto dipenderà dalla situazione di ciascun Paese», ha sottolineato Ceferin.

«Anche la Premier League? Non vedo come potremmo lasciare il Liverpool senza titolo: se si tornasse a giocare, quasi sicuramente lo vincerebbe, se non si dovesse giocare, sarebbe comunque opportuno annunciare i risultati e determinare i campioni delle rispettive leghe nazionali; e anche in questo caso, non vedo come potrebbe vincere il titolo qualcun altro se non il Liverpool», ha aggiunto.

Ceferin si sofferma poi sulle sorti della Champions League: «Per quel che sappiamo oggi, la Champions si concluderà nelle stesse modalità con cui si sarebbe dovuta giocare prima della sospensione. Non possiamo esserne certi e ancora non possiamo sapere se nella finale o in qualsiasi altro evento ci saranno o meno i tifosi, ma dobbiamo farci trovare pronti per tutti e due gli scenari: dipende dalla pandemia, ma al momento, ripeto, contempliamo una normale conclusione della Champions».

Infine, una battuta su Cellino, che aveva parlato della UEFA come «arrogante» e «irresponsabile»: «Prima di tutto, la Serie A non risponde alle competenze della UEFA. In secondo luogo, il Brescia non è vicino a classificarsi alle coppe europee. Terzo e ultimo punto, non credo che le sue recenti parole fossero rivolte alla UEFA. Ad ogni modo voglio sottolineare che non metteremo in pericolo nessuno e che ascolteremo tutti per trovare una soluzione adatta a ogni lega, non appena i rispettivi governi ci daranno il via libera».