anticipazioni terza maglia atletico madrid 2020-2021
(Photo by Denis Doyle/Getty Images)

Dopo Barcellona ed Espanyol, anche l’Atletico Madrid ha annunciato di aver presentato un piano di disoccupazione parziale per mitigare l’impatto sulle sue finanze della pandemia di Covid-19. Ad annunciarlo, il presidente del club, Gil Marin, certo che solo in questo modo si può assicurare “la sopravvivenza della societa”.

“Mai nella storia recente del nostro paese abbiamo affrontato una crisi di tale portata o con conseguenze drammatiche per la salute, economiche e sociali. La situazione che stiamo vivendo ci presenta un futuro pieno di incertezze perché nessuno può assicurare quando finirà questa situazione o che cosa succederà per la nostra società. In tutti gli anni in cui ho guidato la direzione del club, non ho mai affrontato un momento così delicato o un futuro incerto, ma vi assicuro che tutti noi che lavoriamo per l’Atlético de Madrid lo affrontiamo con fermezza e il massimo responsabilità al fine di garantire la vitalità del club”, le parole di Gil Marin in una lettera pubblicata sul sito del club spagnolo.

“Non sappiamo quando le partit riprenderanno e in quali condizioni, quindi non possiamo ancora specificare alcuna misura al riguardo, ma voglio inviare un messaggio di calma a tutti voi e dirvi che stiamo già lavorando in tutti gli scenari possibili, con il fine di essere preparati per il momento in cui la competizione riprenderà e di essere in grado di fornire il servizio adeguato in ogni caso. Non appena avremo più certezze, contatteremo tutti voi”.

“Una situazione così grave ci costringe a prendere decisioni complicate quanto necessarie per il bene dell’entità. Voglio ringraziare tutti coloro che lavorano nel club per i loro sforzi speciali in questi giorni difficili. Sfortunatamente, e con l’unico obiettivo di garantire la sopravvivenza del club, siamo obbligati a richiedere ufficialmente l’apertura di un ERTE (il sistema simile alla cassa integrazione in Spagna, ndr) per quei professionisti che, a causa dello stato di allarme dichiarato nel nostro paese, non sono in grado di svolgere il loro lavoro perché sono cessati a causa di ha completato la sua attività, nonché per coloro le cui ore di lavoro sono state notevolmente ridotte. Entrambi i casi riguardano sia i dipendenti che i giocatori e i tecnici dei nostri team. Stiamo lavorando per ridurre al minimo l’impatto della misura e limitarla a ciò che è strettamente essenziale, in modo che quando si tornerà a giocare, tutto funzionerà come è stato finora. Sono, come ho già detto, decisioni difficili, ma che la responsabilità di salvaguardare il futuro dell’Atlético de Madrid ci costringe a prendere”.

“In questa situazione di incertezza che sta attraversando il nostro settore, dobbiamo unire le forze e lavorare insieme per cercare di riguadagnare la normalità nel mondo del calcio il prima possibile. È tempo di generosità, umiltà, solidarietà, impegno, raggiungere e raggiungere accordi per trovare una soluzione valida per tutti i gruppi: istituzioni, club, giocatori, tecnici, tifosi”

“L’Atlético de Madrid rappresenta con orgoglio il nome di Madrid e della Spagna in tutta Europa, ecco perché abbiamo un impegno inevitabile con i nostri concittadini e abbiamo deciso di incanalare tutto l’aiuto del club nella lotta contro questa pandemia attraverso la campagna #LoDamosTodo, La raccolta completa andrà alla Croce Rossa, in modo che possa soddisfare le esigenze degli operatori sanitari che combattono contro Covid-19 nella Comunità di Madrid, che purtroppo è la regione più scossa dal coronavirus in Spagna e quella che aiuta di più bisogno urgente”.