Gran Premio Formula Uno Monza
Il calore dei tifosi della Ferrari a Monza (Foto Imago/Insidefoto)

Nonostante l’emergenza Coronavirus attualmente in corso, il Gran Premio di Monza si avvia verso il tutto esaurito. La gara si terrà – a meno di nuovi stravolgimenti – il 6 settembre, e il presidente di Aci Italia, Angelo Sticchi Damiani, ha annunciato che la vendita di biglietti sta andando più che bene.

«La data di Monza è scolpita nel marmo, l’emergenza non si sente affatto. Le prevendite dei biglietti stanno andando alla grande, meglio di 12 mesi fa», ha spiegato Sticchi Damiani.

Allo stato attuale, la stagione potrebbe partire il 7 giugno da Baku, in Azerbaijan. E quindi il GP d’Italia, in calendario la prima domenica di settembre a Monza, dovrebbe essere salvo. La scorsa estate è stato rinnovato l’accordo per mantenere nel capoluogo brianzolo il GP per i prossimi cinque anni.

Sticchi Damiani ha comunicato la scorsa estate l’avvenuta firma del contratto da 900 mila euro annui. «I tifosi, a torto o a ragione, stanno concentrando gli acquisti sulle gare che ritengono sicure, e Monza rientra fra queste. Rispetto al 15 marzo dell’anno passato abbiamo venduto il 30% in più di biglietti», ha aggiunto il presidente di Aci Italia.

«Il coronavirus non ha minimamente inciso. Anzi ha spinto gli appassionati a prendere in considerazione solo le date considerate sicure», ha sottolineato. Da studiare l’ipotesi di Monza sede di due gran premi, definita un’ipotesi prematura, ma affascinante. «Siamo nel campo delle eventualità, ma le situazioni di incertezza sono talmente tante che non può essere esclusa a priori».

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here