Come funziona sorteggio calendario Serie A
(Photo Andrea Staccioli / Insidefoto)

Nuovo calendario Serie A – La riunione di martedì 17 marzo a Nyon tra i vertici della Uefa e quelli delle 55 federazioni nazionali ha risolto il problema dei campionati europei di calcio, rimandati al giugno-luglio 2021, ma non ha fornito una soluzione definitiva per i calendari dei campionati nazionali e delle coppe europee per club dopo la sospensione per il dilagare in Europa dell’emergenza coronavirus.

La Uefa ha affidato la stesura del nuovo calendario internazionale, fondamentale anche per riprogrammare il nuovo calendario Serie A a un gruppo di lavoro di 6 persone, ma ha ottenuto dalle leghe europee la firma sulla risoluzione che garantisce “priorità alla Champions e all’Europa League“. Due manifestazioni che insieme valgono 3,5 miliardi di ricavi tra tv e sponsor.

Nuovo calendario Serie A, c’è la deroga a giocare oltre il 27 giugno

Dare priorità alle coppe, per fronteggiare l’emergenza coronavirus, rende dunque difficilissimo concludere i campionati nazionali entro il termine inderogabile del 30 giugno.

Anche per questo motivo, come spiegato da Evelina Christillin, che siede nel board della Uefa e che appresenta Nyon nel consiglio della Fifa, la Serie A ha ottenuto una deroga per poter giocare anche dopo il 27 giugno, data cui dovrebbe disputarsi la finale di Champions League.

La precedenza alle coppe sul campionato significa anche la possibilità di giocare Champions ed Europa League nel week-end. Questo complica il destino della Serie A.

Se Atalanta (già ai quarti), Juve, Napoli, Inter e Roma vanno fino in fondo in Europa, non ci sarebbero finestre a sufficienza per completare il campionato entro il 30 giugno.

Lo stesso vale per la Liga e la Premier (solo la Bundesliga potrebbe arrivare in fondo). E se in Inghilterra durante le festività si gioca anche ogni due giorni, in Italia il contratto collettivo oggi vieta questa possibilità.

Alla luce dell’emergenza coronavirus, i calendari dei campionati nazionali, compreso dunque il nuovo calendario Serie A, dovranno dunque adattarsi ai calendari di Champions ed Europa League, sui quali per ora non c’è ancora alcuna certezza, tanto che sono state formulate 7 differenti scenari per portare a conclusione le due coppe.

Nuovo calendario Serie A, gli scenari sul tavolo

Ecco quelli che sono i possibili scenari relativi al nuovo calendario Serie A e al nuova calendario Coppa Italia sul tavolo delle istituzioni nazionali per cercare di portare a termine la stagione sportiva 2019-2020, attualmente sospesa per l’emergenza coronavirus.

Nuovo calendario Serie A, la prima prima ipotesi

  • Ripresa – 2 maggio
  • Conclusione – 28 giugno
  • 9 week end
  • 4 infrasettimanali
  • 13 turni (uno in più per chi ha una gara da recuperare)

Nuovo calendario Serie A, la seconda  ipotesi

  • Ripresa – 9 maggio
  • Conclusione – 5 luglio
  • 9 week end
  • 4 infrasettimanali
  • 13 turni (uno in più per chi ha una gara da recuperare)

Nuovo calendario Serie A, la terza  ipotesi

  • Ripresa – 16 maggio
  • Conclusione – 12 luglio
  • 9 week end
  • 4 infrasettimanali
  • 13 turni (uno in più per chi ha una gara da recuperare)

Nuovo calendario Serie A, la Coppa Italia

  • Semifinali di ritorno -20 e 21 maggio
  • Finale – 18 giugno