(Photo Andrea Staccioli / Insidefoto)
(Photo Andrea Staccioli / Insidefoto)

Il premio finale delle leghe del Fantalcio donato in beneficenza. Tramite l’hashtag #UnFantAiuto le community Calciatori Brutti, Gli Autogol, Chiamarsi Bomber e Sos Fanta hanno lanciato una raccolta fondi in favore degli ospedali che si stanno adoperando per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Le persone in Italia che giocano a Fantacalcio sono tantissime e per questo il progetto punta a fare qualcosa di molto importante con un piccolo gesto condivisibile da tutti e in favore di qualsiasi struttura ospedaliera italiana. La campagna è stata lanciata su GoFoundMe e in poche ore ha già raccolto più di 30mila euro.

Gli Autogol hanno deciso di devolvere i fondi raccolti all’Ospedale Policlinico San Matteo di Pavia, l’ospedale della città natìa del trio che sta combattendo in prima linea contro il Coronavirus, stessa scelta fatta dalla community Chiamarsi Bomber.

«La community Fantacalcio è enorme, siamo in tantissimi, ridiamo, ci sfottiamo, ci incazziamo. Ma ora possiamo fare assieme qualcosa di molto importante con un piccolo gesto. La nostra donazione è rivolta all’Ospedale Policlino San Matteo di Pavia, l’ospedale della nostra città, che si trova in Lombardia, e che sta combattendo in prima linea contro il Coronavirus in una delle zone purtroppo più colpite» le parole degli Autogol.

«In Italia ogni anno, milioni di fantallenatori sperano di vincere la propria lega. Ma se quel premio finale, in questa situazione di emergenza per tutto il territorio nazionale, fosse destinato in beneficenza? Pensateci. È un ‘piccolo gesto’ per tutti, ma un ‘grande gesto’ per gli ospedali, i medici e gli infermieri di tutta Italia» il commento di Chiamarsi Bomber.

I team di SOS Fanta e Calciatori Brutti, invece, hanno deciso di avviare una raccolta fondi per l’Ospedale Sacco di Milano, anche lui totalmente assorbito dall’assistenza ai malati di Covid-19 in queste ore, in particolare per il reparto di terapia intensiva che lotta per salvare più vite possibili in una situazione di allerta nazionale.

«Usare il web in questo modo è la più grande soddisfazione. Il Fantacalcio è praticato da praticamente tutti i nostri followers, sapere che stiamo raccogliendo fondi per aiutare gli ospedali ci riempie di orgoglio, come cittadini, come imprenditori e come esseri umani» scrivono Calciatori Brutti. Chiunque stia giocando a Fantacalcio, dunque, può aderire a questa iniziativa con i propri amici di lega donando il premio in denaro destinato al vincitore a una struttura ospedaliera a propria scelta.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here